0

Perché il Fascismo si chiama così?

Perché il Fascismo si chiama così?

Nell’autunno del 1920 apparve sulla scena politica il Fascismo, movimento di destra, in concorrenza con D’Annunzio e con i nazionalisti. Ma perché il Fascismo si chiama così? Ecco il motivo.

Il nome fascismo deriva da Fasci di combattimento

Il nome “Fascismo” trae la sua origine dai Fasci di combattimento. L’origine etimologica deriva dalla parola “Fascio” (dal latino, dalla parola “Fascis”).

Il 23 marzo 1919 a Milano, presso Piazza San Sepolcro, Mussolini, insieme a una cinquantina di seguaci, fondò il primo Fascio di combattimento. Il nome si collegava ai fasci di azione rivoluzionaria dell’intervento del 1914 e al Fascio parlamentare di difesa nazionale, fondato dopo Caporetto.

Quel giorno ebbe inizio la rivoluzione fascista contro la classe dirigente e il vecchio regime.
Fasci di combattimentoDue anni dopo, il 10 novembre 1921, il movimento venne trasformato in qualcosa di più: fu fondato il Partito Nazionale Fascista. Dalla parola “Fascio” nacque dunque la parola “Fascismo”.

Da leggere: Il ritorno del fascismo in Europa

Il fascino che il mito di Roma esercitava sul Fascismo

Il riferimento era ai fasces lictorii dell’Antica Roma. Armi portate dai littori, che consistevano in un fascio di bastoni di legno legati con strisce di cuoio, normalmente intorno a una scure. Nell’antica Roma, il fascio era simbolo di autorità e potere.

Anche la parola Littorio venne molto usata nel periodo fascista tanto è, che littorio era diventato sinonimo di fascista, ad esempio la gioventù fascista era anche chiamata gioventù del littorio

Il fascio ha anche una sua matrice rivoluzionaria, infatti fu usato come insegna sia nella Rivoluzione francese sia in svariate repubbliche che si formarono in Italia durante il risorgimento.

Presero il nome di fasci anche dei movimenti di lavoratori rivoluzionari socialisti e anarchici che sorsero in Italia alla fine dell’800.

Da leggere: Il popolo italiano ha i governanti che si merita

L’Impero fascista

Benito Mussolini attraverso il “Fascio” voleva simboleggiare l’unione del popolo italiano con chiara ispirazione alla potenza e alla grandezza del popolo romano.
Il fascio littorioIl fascismo si propose come il naturale discendente della Roma antica. Mussolini infatti si faceva chiamare Duce, che nell’antica Roma era il generale, il capo militare valoroso e trionfante in battaglia amato ed apprezzato dai soldati che lo seguivano ubbidienti.

Durante il ventennio di governo fascista molte costruzioni pubbliche ed opere d’arte (come ad esempio il Vittoriano a Roma) si ispirarono allo stile romano senza far mancare però il fascio che veniva scolpito sui muri.


Condividi:

Claudio Rossi

“Ci sono uomini nel mondo che governano con l’inganno. Non si rendono conto della propria confusione mentale. Appena i loro sudditi se ne accorgono, gli inganni non funzionano più.” Google+

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *