0

Sicurezza online: come evitare le minacce informatiche

Con l’aumento delle attività giornaliere che si svolgono online (acquisti, pagamenti) si deve prestare una certa attenzione alla sicurezza dei siti web onde evitare che i cittadini siano resi vittime inconsapevoli di truffe e attacchi hacker. Quali sono le minacce che provengono dal web? 

Ovviamente sono tante ma fra le più frequenti troviamo il furto di identità, che riguarda in particolar modo i social network. Per difendersi da chi si appropria in maniera illecita delle informazioni personali bisognerà analizzare minuziosamente i profili social che entrano a fare parte dei contatti evitando di concedere “amicizia” a profili palesemente falsi come quelli sprovvisti di informazioni utili ad identificare con esattezza il soggetto che ci vuole aggiungere ai contatti. Un altro modo per difendersi dal furto di identità è quello di utilizzare un profilo privato.

Tra i più temuti pericoli del web spiccano le truffe, che hanno come scopo quello di derubare il malcapitato dei propri risparmi depositati sul conto corrente virtuale. Il rischio si materializza quando si paga con carta di credito su siti truffa come portali di gioco non autorizzati o su siti stranieri che non utilizzano protocolli informatici crittografati. Per i momenti di svago è quindi importante scegliere siti con scambi di dati sicuri con certificati e tecnologia https come ad esempio anche solo per consultare risultati o l’archivio del lotto 2024 in totale sicurezza. 

Le leggi Europee che proteggono i dati personali: il GDPR

I due pilastri in materia di cybersecurity sono la sicurezza e il rispetto della privacy. Le leggi GDPR ( Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati nell’ Unione Europea) fissano degli standard sulla raccolta, l’archiviazione e l’elaborazione dei dati anagrafici dei soggetti al fine di tutelarne la privacy. Il primo GDPR è del 1995 ma a causa dei continui mutamenti tecnologici è stato revisionato nel 2018 con sostanziali cambiamenti che hanno dato luogo al nome odierno “Nuovo GDPR”. Tra i temi trattati nel regolamento si trova l’obbligo per tutti quelli che operano nello Spazio Economico Europeo di tutelare da possibili attacchi hacker i dati dei cittadini (Pubbliche Amministrazioni) e dei clienti (Aziende).

Il metodo per proteggere i dati personali dei fruitori del web è quello di utilizzare protocolli di sicurezza crittografati accompagnati dagli aggiornamenti continui dei sistemi tecnici. Per proteggere ulteriormente i cittadini, il GPDR impone la trasparenza riguardante la raccolta e il trattamento dei dati personali. I siti devono avere dei banner visibili che consentano al cittadino di scegliere o meno di accettare le condizioni di navigazione dei siti web. L’utente ha inoltre diritto di cambiare idea sulle scelte che riguardano la privacy sui dati forniti. Questo procedimento di retrocessione impone ai siti di cancellare dai loro database tutti i dati personali forniti dall’utente. 

Condividi:

Claudio Rossi

“Ci sono uomini nel mondo che governano con l’inganno. Non si rendono conto della propria confusione mentale. Appena i loro sudditi se ne accorgono, gli inganni non funzionano più.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.