I lavoratori italiani sono i più poveri d’Europa

retribuzioni lavoratori italiani

Le retribuzioni dei lavoratori italiani, a tutti i livelli, sono in linea con la media europea, ma a differenza della maggior parte della popolazione dei Paesi del continente, Paesi Bassi, Irlanda, Francia, Austria e tutti i Paesi scandinavi, soffriamo per un basso potere di acquisto. I dati pubblicati nel rapporto “Global 50 Remuneration Planning” non lasciano scampo. Colpa di una pressione fiscale record, ma non solo.

Il nostro Paese, come lo scorso anno, risulta all’ultima posizione per quanto riguarda i salari d’ingresso con una media di circa 27mila euro.

Analizzando la media della retribuzione annuale lorda delle prime 20 economie europee, i manager di medio livello e i nuovi entrati nel mondo professionale italiani si posizionano al 14° posto del ranking, posizione che cambia però se ad essere presa in considerazione è la media relativa al potere d’acquisto: i primi scendono alla 17esima posizione, i secondi alla 15esima.

La Svizzera rimane il paese con le retribuzioni più alte. I dipendenti godono di retribuzioni lorde in media più alte di tutti gli altri Paesi europei, superiore di circa 50% rispetto all’Irlanda, seconda nel ranking.

Precari e sottopagati. È questo il mondo del lavoro in Italia. In compenso abbiamo gli stipendi dei politici, magistrati e manager pubblici che sono il triplo della media europea.


Condividi:
TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE:
This entry was posted in Italia alla Rovescia, Lavoro and tagged , , . Bookmark the permalink.

About Claudio Rossi

“Ci sono uomini nel mondo che governano con l’inganno. Non si rendono conto della propria confusione mentale. Appena i loro sudditi se ne accorgono, gli inganni non funzionano più.” Google+

Commenti

  1. […] il Paese d’Europa con i salari più bassi e la tassazione più elevata, ma siamo anche quello Stato dove il cibo costa tredici volte di più […]