0

Nummeri

potere-popolo

Conterò poco, è vero:
diceva l’Uno ar Zero,
ma tu che vali? Gnente: propio gnente.
sia ne l’azzione come ner pensiero
rimani un coso vôto e inconcrudente.
Io, invece, se me metto a capofila
de cinque zeri tale e quale a te,
lo sai quanto divento? Centomila.
È questione de nummeri. A un dipresso
è quello che succede ar dittatore
che cresce de potenza e de valore
più so’ li zeri che je vanno appresso.

Trilussa

Condividi:
0

L’Orco innamorato

Italia-stivale

C’era una volta un orco
ch’annava appresso a na ragazza onesta.
Quella je disse: – Che s’è messo in testa?
Vo che me spòsi un omo così porco?
Madonna mia! Ce mancherebbe questa!…
– Si, – fece l’Orco che nun era un micco –
so’ stato un birbaccione, nu’ lo nego,
ma mò, però, so diventato ricco,
rifaccio er galantomo e me ne frego.-
Lei sospirò: – Ma che dirà la gente
quando saprà che un vecchio farabbutto
s’è unito con un anima innocente?
Bisognerebbe vive in quarche sito
dove se scorda tutto:
tanto er bene che er male,
tanto er bello che er brutto…
Ho inteso che ner bosco c’è una fata
ch’è rinomata assai per un decotto
dell’erba d’ogni mese: una cicoria
che fa perde debbotto la memoria …
– L’Orco scrocchiò li denti e j’arispose:
– Senza che cerchi l’erba d’ogni mese,
ar monno c’è un bellissimo paese
dove nun se ricordeno le cose …
– Qual’è? – L’Italia –
La ragazza onesta
fece de sì tre volte co’ la testa.

Trilussa

Condividi:
0

Er presepio

presepio politici

Ve ringrazio de core, brava gente,
pé ‘sti presepi che me preparate,
ma che li fate a fa? Si poi v’odiate,
si de st’amore non capite gnente…

Pé st’amore sò nato e ce sò morto,
da secoli lo spargo dalla croce,
ma la parola mia pare ‘na voce
sperduta ner deserto, senza ascolto.

La gente fa er presepe e nun me sente;
cerca sempre de fallo più sfarzoso,
però cià er core freddo e indifferente
e nun capisce che senza l’amore
è cianfrusaja che nun cià valore.

Trilussa

Condividi:
0

L’incontro de li sovrani

Re-pranzo-dipinto

Bandiere e banderole,
penne e pennacchi ar vento,
un luccichìo d’argento
de bajonette ar sole,
e in mezzo a le fanfare
spara er cannone e pare
che t’arimbombi dentro.

Ched’è? chi se festeggia?
È un Re che, in mezzo ar mare,
su la fregata reggia
riceve un antro Re.
Ecco che se l’abbraccica,
ecco che lo sbaciucchia;
zitto, ché adesso parleno…
-Stai bene? – Grazzie. E te?
e la Reggina? – Allatta.
– E er Principino? – Succhia.
– E er popolo? – Se gratta.
– E er resto? – Va da sé…
– Benissimo! – Benone!
La Patria sta stranquilla;
annamo a colazzione… –

E er popolo lontano,
rimasto su la riva,
magna le nocchie e strilla:
– Evviva, evviva, evviva… –
E guarda la fregata
sur mare che sfavilla.

Trilussa

Condividi:
0

La politica secondo Trilussa

fantozzi-mangia-spaghetti

Ner modo de pensà c’è un gran divario:
mi’ padre è democratico cristiano,
e, siccome è impiegato ar Vaticano,
tutte le sere recita er rosario;

de tre fratelli, Giggi ch’er più anziano
è socialista rivoluzzionario;
io invece so’ monarchico, ar contrario
de Ludovico ch’è repubbricano.

Prima de cena liticamo spesso
pe’ via de ‘sti principî benedetti:
chi vò qua, chi vò là… Pare un congresso !

Famo l’ira de Dio ! Ma appena mamma
ce dice che so’ cotti li spaghetti
semo tutti d’accordo ner programma.

Carlo Alberto Salustri in arte Trilussa

Condividi: