Cosa significa essere italiani?

Si nasce italiani o lo si diventa col tempo? Bisogna conoscere la lingua o è meglio condividere le tradizioni nazionali? Lo statunitense Pew Research ha provato a chiederci cosa significhi “essere italiani”. E il risultato non è così scontato.

L’abbiamo sentito dire decine di volte. “Se gli immigrati continuano ad arrivare, va a finire che saranno più loro che noi”. E il prosieguo sembra scontato “Addio italianità”. Ma cosa significa davvero per noi essere italiani? Per rispondere a questa domanda, vi proponiamo uno studio fatto dal centro di ricerche statunitense Pew Research. L’istituto nordamericano, durante la primavera dell’anno scorso (4 aprile – 29 maggio 2016), ha intervistato 14514 residenti di 14 nazioni, tra cui anche l’Italia. Lo scopo era appunto aiutarci a capire cosa definisce la nazionalità nelle sue diverse declinazioni da paese a paese. Per quanto riguarda l’Italia, la classifica delle priorità sembra abbastanza chiara. Riteniamo fondamentale parlare l’italiano, poi la condivisione della cultura nazionale e di costumi e tradizioni, solo in terza posizione c’è il luogo di nascita e per ultima, strano a dirsi rispetto alla nostra tradizione, la religione. Continue Reading

Condividi: