Tony Atkinson, l’economista che ha combattuto la diseguaglianza

Con Tony Atkinson scompare l’economista che più di chiunque altro ci ha aiutato a capire come misurare, analizzare e contrastare povertà e disuguaglianza. Tutta la sua vita professionale è stata contraddistinta dall’esigenza di tradurre l’analisi economica in dibattito pubblico e prassi politica. Continue Reading

Condividi:

Sono 6,5 milioni gli italiani che sognano un lavoro

“Sommando ai disoccupati le forze di lavoro potenziali, ammontano a 6,5 milioni le persone che vorrebbero lavorare“. Così l’Istat nell’Annuario statistico, che riepiloga la situazione sul mercato del lavoro nel 2015, spiegando che le forze di lavoro potenziali sono rappresentate da persone che non cercano un impegno ma sarebbero pronte ad accettarlo o che lo cercano ma non sono subito disponibili. Sono tutti quindi accomunati dal “sogno” di avere un lavoro. Un vero e proprio incubo ad occhi aperti. Continue Reading

Condividi:

Povero Natale

Questo è il Natale più povero degli ultimi 20 anni. Consumi ridotti, disoccupazione da record, meno di 200 euro di spesa in media per i regali. Un Natale scarno e austero per milioni di italiani. Basta guardarci in giro, si tocca con mano. Un Natale che ha esaurito tutti i buchi della cinghia.

Buon Natale alle tantissime famiglie che trascorrono senza dubbio il peggior Natale degli ultimi decenni. Buon Natale a chi spera e crede che questo sia l’ultimo degli anni sempre più bui e l’inizio di tanti Natali sempre più sereni. Tanta felicità a tutti i lettori del Blog. Auguri a tutti noi, vi lascio un “amuleto” particolare per un anno pieno di fortuna e prosperità:

Un tempo i contadini tenevano un grappolo d’uva bianca a seccare in soffitta e mangiavano quello a Natale o a Capodanno. Quei chicchi erano il simbolo della speranza, della sobrietà e della lungimiranza.

Ecco è il vero senso del Natale.

Condividi:

I veri guerrieri

toro-seduto

Toro Seduto era noto come un grande guerriero e in tarda età divenne una guida spirituale. Ecco cosa diceva questo grande personaggio della Storia sulla nuova società che stava avanzando, e che ben presto sterminò non solo la sua razza, ma quella di un intero continente. Si può essere guerrieri senza bisogno di uccidere.

“Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perchè nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica se stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a se stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell’umanità”.

Toro Seduto, Tatanka Yotanka (1831 – 1890) Capo tribù dei Hunkpapa Sioux (Lakota)

Condividi: