1

Rifiuti urbani da abbigliamento usato o dono di vestiti ai bisognosi?

abiti usati

Intervista ad Andrea Fluttero, Presidente Fise Unire (Unione Imprese Recupero e Riciclo), Associazione di categoria che rappresenta le aziende delle diverse filiere del riciclo rifiuti, tra le quali anche quella degli abiti usati. Facciamo luce su un settore troppo spesso rappresentato negativamente e sul quale le organizzazioni criminali cercano di metterci le mani. Sempre più spesso, come testimoniato da alcune vicende di cronaca degli ultimi mesi, si registrano attività di raccolta “border-line” che, a volte anche violando disposizioni normative, basandosi su circuiti paralleli a quelli regolari e autorizzati per la gestione dei rifiuti tessili finiscono per alimentare traffici illeciti. Un grande equivoco che è giusto chiarire. Continue Reading

Condividi:

Cinque milioni di italiani non hanno da mangiare

povertà alimentare

Oltre due milioni di famiglie italiane, più di cinque milioni di persone (di questi un milione e 300mila sono minori), sono in condizioni di povertà alimentare, cioè possono spendere per l’acquisto di generi alimentari risorse inferiori rispetto a una soglia standard accettabile. È la drammatica fotografia di una ricerca Censis su come mangiano gli italiani presentata ieri in occasione dell’inaugurazione di Tuttofood, la rassegna specializzata di Fiera Milano in corso fino all’11 maggio. Continue Reading

Condividi:

Appello ai leader del G7: Stop alla povertà

#aprileorecchie

La Coalizione Italiana contro la Povertà si rivolge direttamente ai Leader del G7 per chiedere di “aprire le orecchie” ai problemi che affliggono l’umanità e il pianeta e di adottare politiche concrete per risolverli.

Il 26 e il 27 maggio prossimi, i capi di Stato e di Governo dei Paesi appartenenti al G7 (Italia, Francia, Germania, Regno Unito, Stati Uniti, Canada, Giappone), insieme all’Unione Europea, si riuniranno a Taormina sotto la Presidenza italiana per discutere delle principali questioni globali. Continue Reading

Condividi:

Povertà educativa in Italia, a rischio un bambino su tre

povertà bambini

In Italia quasi 1 minore su 3 è a rischio povertà ed esclusione sociale. La povertà educativa è il nemico principale dello sviluppo socio\economico e rappresenta uno degli aspetti più devastanti della povertà infantile che in Europa colpisce ben 1 adolescente su cinque. L’infanzia è un tesoro che va protetto, soprattutto se si considera che i bambini nel nostro Paese sono sempre meno.

Nel nostro Paese 1 bambino su 4 non raggiunge le competenze minime in matematica e 1 su 5 in lettura, dati che ci posizionano al 23° posto tra i 35 paesi OCSE. Tra i ragazzi di 15 anni che vivono nel 20% delle famiglie più svantaggiate, il 37% non raggiunge le competenze minime sia in matematica che in lettura, percentuali significativamente più basse tra i coetanei provenienti da famiglie più agiate (9% in matematica, 6% in lettura). Continue Reading

Condividi:

Sette super Paperoni italiani possiedono il 30% della ricchezza nazionale

Le disuguaglianze in Italia sono feroci. La ricchezza si ferma solo ai piani alti.

Secondo Oxfam, una delle più antiche società di beneficenza con sede a Londra, in Italia il 20% più ricco degli italiani detiene poco più del 69% della ricchezza nazionale (9.973 miliardi di dollari), il successivo 20% (quarto quintile) controlla il 17,6% della ricchezza, lasciando al 60% più povero degli italiani appena il 13,3% di ricchezza nazionale. Il 10% della popolazione italiana possiede oggi oltre 7 volte la ricchezza della metà più povera della popolazione. Continue Reading

Condividi: