Transition l’auto volante e il traffico è un ricordo

Il sogno dell’auto volante sembra essersi realizzato. Beffare il traffico alzandosi in volo tra breve sarà possibile. Infatti il prototipo Transition opera di un gruppo di ex ingegneri del Mit che, dopo sei anni di lavoro il 23 marzo scorso ha completato il suo primo volo nei cieli dell’aeroporto di Plattsburgh (NY). Sviluppato da Terrafugia Inc., il Transition è un gioiellino della tecnologia che quando è su quattro ruote, con le ali ripiegate a scomparsa, è in grado di viaggiare a una velocità di 110 Km/h; una volta decollato, può raggiungere invece i 185 Km/h, adoperando, in entrambi i casi, come carburante della benzina verde. Può essere usato su strade e autostrade ed essere comodamente parcheggiato in garage. La fase di produzione del prototipo è iniziata nel 2009, Terrafugia continuerà il suo programma di test in preparazione alla prima consegna, che dovrebbe avvenire entro il 2013. Il primo volo di transizione ha raggiunto una quota di 1400 m al di sopra del suolo ed è durato otto minuti, dimostrando la controllabilità e la sicurezza del veivolo.

noleggio furgoni minivan e centinatiParlando del primo volo, il capo pilota Phil Meteer e’ rimasto entusiasmato: “E ‘un veicolo straordinario sia su strada che in volo. Non vedo l’ora di fare le prossime prove di volo e la possibilità di ‘strizzarlo’, dimostrando ulteriormente la sicurezza e il piacere di volare.”

Il costo? Beh diciamo che non e’ proprio alla portata di tutti, come era facile supporre. Per assicurarsi questo gioiellino occorrera sborsare 279 mila dollari, pari a circa 210 mila euro. Nonostante questo, La Terrafugia ha annunciato che ci sono già quasi cento prenotazioni, di cui il 95 per cento da parte di piloti professionisti. Per loro il traffico cittadino sarà solo un cattivo ricordo.

 


Condividi:

Ti potrebbe anche interessare:

This entry was posted in FuturMondo and tagged , , . Bookmark the permalink.

About Claudio Rossi

“Ci sono uomini nel mondo che governano con l’inganno. Non si rendono conto della propria confusione mentale. Appena i loro sudditi se ne accorgono, gli inganni non funzionano più.” Google+