Il testamento dell’albero

Un albero d’un bosco
chiamò gli uccelli e fece testamento:
“Lascio i miei fiori al mare,
lascio le foglie al vento,
i frutti al sole e poi
tutti i semetti a voi,
a voi, poveri uccelli,
perchè mi cantavate la canzone
della bella stagione…
E voglio che gli stecchi,
quando saranno secchi,
facciano il fuoco per i poverelli.

Trilussa


Condividi:

Questione di razza

cane bianco-cane nero

Non è il colore della pelle a fare delle azione cose belle o brutte, ma l’animo della persona, dal cuore che pulsa sotto la pelle di qualsiasi colore essa sia…

Che cane buffo! E dove l’hai trovato?
Er vecchio me rispose: “È brutto assai
ma nun me lassa mai, s’è affezzionato.”
L’unica compagnia che m’è rimasta
fra tanti amichi è stò lupetto nero,
nun è de razza è vero, ma mè fedele e basta.
Io nun faccio questione de colore,
l’azzioni bone e belle vengheno su dar core,
sotto qualunque pelle.

Trilussa

Condividi:

La ninna nanna de la guerra

coalizione anti Isis

Ninna nanna, nanna ninna,
er pupetto vò la zinna:
dormi, dormi, cocco bello,
sennò chiamo Farfarello [*]
Farfarello e Gujermone [**]
che se mette a pecorone,
Gujermone e Ceccopeppe [***]
che se regge co le zeppe,
co le zeppe dun impero
mezzo giallo e mezzo nero.

Ninna nanna, pija sonno
ché se dormi nun vedrai
tante infamie e tanti guai
che succedeno ner monno
fra le spade e li fucili
de li popoli civili
Ninna nanna, tu nun senti
li sospiri e li lamenti
de la gente che se scanna
per un matto che commanna;

che se scanna e che s’ammazza
a vantaggio de la razza
o a vantaggio d’una fede
per un Dio che nun se vede,
ma che serve da riparo
ar Sovrano macellaro.
Ché quer covo dassassini
che c’insanguina la terra
sa benone che la guerra
è un gran giro de quatrini
che prepara le risorse
pe li ladri de le Borse.

Fa la ninna, cocco bello,
finché dura sto macello:
fa la ninna, ché domani
rivedremo li sovrani
che se scambieno la stima
boni amichi come prima.
So cuggini e fra parenti
nun se fanno comprimenti:
torneranno più cordiali
li rapporti personali.

E riuniti fra de loro
senza l’ombra d’un rimorso,
ce faranno un ber discorso
su la Pace e sul Lavoro
pe quer popolo cojone
risparmiato dar cannone!

Trilussa

Note:

* Uno dei diavoli dell’inferno dantesco
** Guglielmo II, l’imperatore tedesco
*** Francesco Giuseppe imperatore d’Austria

Condividi:

L’arrestato

Botero

Ma queste so’ maniere da burino!
Sì, sì, va bè, tu porteme in questura,
ma lasseme la giacca… E ch’hai paura?
Te credi d’arestà quarch’assassino?

E che te spigni? L’anima? Cammino
come me pare! Mica c’è premura!
Se vòi che t’arispetti la montura
tu fa’ la guardia, ch’io fo er cittadino!

E doppo dice ch’uno s’aribbella!
Vojo che me ce porti co le bone!
Dunque cammina e mosca! Oh quest’è bella!

E abbada a te, mannaggia l’animaccia…
che si me fo pija’ la convursione,
t’abbotto er grugno de cazzotti in faccia!

Trilussa

Condividi:
0

Er Pappagallo

Pappagallo

Er Pappagallo d’un repubbricano,
ch’era ‘na bestia tanto inteliggente,
perché parlava mejo d’un cristiano,
da quattro o cinque giorni stava strano,
s’era abbacchiato e nun diceva gnente.

“Che t’è venuta? La nevrastenia?”
je chiese un Gatto – “hai perzo la parola?
Su, coraggio. Sta’ alegro. Tira via”.
– “Eh, – fece lui – la corpa nun è mia,
è tutta der padrone che ciriòla!”

Prima, defatti, me diceva spesso
che dovevo strillà: Viva Mazzini.
Evviva la Repubbrica! … Ma adesso
si lo dico me mena, e già è successo,
ch’ha mannato a chiamà li questurini.

Capisco l’interessi perzonali
j’avranno rotto li convincimenti,
j’avranno buggerato l’ideali:
ma lassi armeno in pace l’animali
che sò contrari a certi cambiamenti.

Fra tutte l’antre cose che m’ha imposto,
jeri m’ha detto: – Strilla: evviva er Re –
– Ah, mó pretenni troppo – j’ho risposto –
Riparto pe l’America, piuttosto.
Nun faccio er burattino come te.

Trilussa

Condividi: