Ecco cosa c’è dietro il tonno in scatola Mareblu

tonno Mareblu

Mareblu continua a comportarsi in modo irresponsabile. Aveva promesso il 100% di tonno sostenibile entro il 2016, ma ad oggi solo lo 0,2% del tonno confezionato viene pescato in modo sostenibile. Mareblu tradisce la fiducia dei consumatori. La denuncia di Giorgia Monti, responsabile campagna Mare di Greenpeace: “nella maggior parte delle sue scatolette finisce tonno pescato con reti a circuizione usate con sistemi di aggregazione per pesci (FAD), che svuotano i nostri mari uccidendo ogni anno migliaia di giovani esemplari di tonno (“baby-tuna”) e numerosi animali marini, tra cui squali e tartarughe, spesso di specie in pericolo”. Il tipo di pesca che usa svuota i mari e uccide a migliaia squali e altri animali marini!  Continue Reading

Condividi: