Meningite è epidemia?

Gli ultimi casi di meningite hanno riportato in auge la psicosi epidemia. Chiariamo subito: non è in corso nessuna epidemia, e l’eccessiva presenza di extracomunitari non centra nulla. Il fenomeno non è legato assolutamente all’immigrazione di alcune etnie o di persone da regioni o nazioni specifiche. I casi di meningite avvenuti in Toscana sono dovuti al meningococco C che è da sempre presente in Italia e in Europa. Nell’ultimo anno i casi di meningite da meningococco, spiega il dottor Giovanni Rezza, direttore del Dipartimento malattie infettive, parassitarie e immunomediate dell’Istituto Superiore di Sanità, “sono stati circa 190 mentre l’anno precedente si sono registrati 196 casi, per cui si tratta di un andamento stabile. Per quanto riguarda i casi sia di meningite che di sepsi, circa 1700 nel 2016, si nota invece una leggera diminuzione rispetto all’anno passato”. In Italia, quindi, non esiste nessuna emergenza meningite.  Continue Reading


Condividi:

Grillo vergognati!

Gianluca-Danise-Grillo-Stefano-Montanari

“Egregi Grillini,
Mi è impossibile non comunicarvi lo schifo profondo che mi fate.
Ormai diversi anni fa
vi prodigaste a dare una mano al vostro santone per sottrarci il microscopio con cui facevamo ricerca. Molti di voi si chiusero in un silenzio ipocrita senza alzare un dito. Altri ci insultarono in ogni maniera, inventando le menzogne più squallide e applaudendo perché si consegnasse l’apparecchio a qualcuno che promise, con squilli di trombone, che da lì sarebbero usciti miracoli di scienza. Un personaggio vostro pari, tale Valeria Rossi, inondò Internet d’interviste inventate e di panzane che solo un mascalzone o un demente avrebbe accettato. Ora il personaggio, dopo essersi reso ridicolo scrivendo che sarebbe insorto se dal microscopio non fossero usciti risultati fantastici, è scomparso. Il motivo è semplice: di fatto nulla uscì semplicemente perché quel microscopio non fu mai usato, e questo era esattamente ciò che il vostro santone voleva. Nessuna meraviglia se non ci fu uno tra voi, anche uno solo, che chiese ragione della porcheria.
Poi ci fu il Tribunale di Reggio Emilia. Da lì la condanna di chi aveva organizzato il giochetto insieme con il vostro santone: ogni volta che ci rechiamo a Pesaro dove l’apparecchio è collocato, la Onlus Bortolani deve pagare una certa cifra. Manco a dirlo, voi faceste finta di niente. Anzi, qualcuno, dopo anni e dopo le smentite più incontrovertibili da dove la Rossi esce a pezzi, cita ancora il personaggio come se avesse una qualunque credibilità.
Nel frattempo, in più occasioni voi vi appropriaste dei risultati di quelle ricerche che avete cercato d’imbavagliare e, senza un barlume di vergogna, ci fu tra voi chi mi chiese dati e documenti e ancora lo fa.
Ora pubblicate un peana in onore di Gianluca Danise fingendo di non sapere che fummo proprio noi ad analizzare le sue biopsie trovandoci, come in tante altre occasioni, le tracce inequivocabili di quello che per voi, nella vostra ignoranza, è l’uranio impoverito. E lo facemmo lottando contro le difficoltà che voi ci avevate imposto. Sappiate che i documenti che strombazzate di voler presentare a favore della vedova sono opera nostra, prodotti con quel microscopio che ci avete portato via.
Forse per coerenza con il mestiere di comico del vostro santone, voi vi vendete come la forza nuova che può salvare l’Italia dal naufragio, e questo, chissà, senza nemmeno rendervi conto di chi siete e di che cosa avete fatto. Non è lanciando un salvagente di pietra e vestendo le penne del pavone che si salva l’Italia e almeno abbiate il pudore di non spogliare i cadaveri: il bottino non vi spetta perché voi state dall’altra parte.
Mi è impossibile non comunicarvi lo schifo profondo che mi fate”. Stefano Montanari

Condividi:
0

Parla il Dott. Stefano Montanari: “Grillo è un vigliacco”


Il Dott. Stefano Montanari laureato in Farmacia nel 1972 con una tesi in Microchimica, ha cominciato fin dai tempi dell’università ad occuparsi di ricerca applicata al campo della medicina. Il suo incontro-scontro con Beppe Grillo avviene nel 2006, per il famoso microscopio elettronico a scansione ambientale, con il quale il Dott. Montanari e Antonietta Gatti hanno scoperto i meccanismi con cui le nanoparticelle prodotte dalle combustioni degli inceneritori sono capaci di uccidere. Grillo si innamora immediatamente del microscopio, talmente tanto da portarglielo via…Qui trovate la cronistoria completa della vicenda, raccontata dalla stesso Montanari. Ora a distanza di anni grazie ad un intervista apparsa sul blog movimentorevolution, il Dott. Stefano Montanari, per la prima volta racconta il vero Beppe Grillo e le sue promesse non mantenute. Lascio a voi i commenti, ma rimane il dubbio visto che il Leader del Movimento 5 Stelle non ha mai risposto ufficialmente alle denunce del Dottore. Grillo vuole trasparenza e verità ma alcune ombre incominciano ad emergere. Ci aspettiamo una risposta ufficiale di Grillo, un confronto per mettere fine a questa polemica che imperversa da anni. Chi ha la coscienza pulita non ha problemi nel confronto pubblico…

Condividi: