0

Si vive di più grazie alle medicine?

si vive di più grazie ai farmaci

Nel mondo si vive di più e meglio. Se la vita media si è allungata, dobbiamo ringraziare i farmaci?

Dal 1951, ricerca, nuovi farmaci, corretti stili di vita e progressi della medicina hanno contribuito ad aumentare l’aspettativa di vita di 3 mesi ogni anno, 6 ore al giorno, e oggi farmaci e vaccini contribuiscono a più dei 2/3 della crescita della vita media. Continue Reading


Condividi:
3

L’età media in tutti i paesi del Mondo

età media mondo

CIA Factbook, ha creato una mappa che mostra l’età media di tutti i paesi del mondo. L’età mediana si ottiene sommando l’età di tutta la popolazione e dividendola per il numero di persone facenti parte della popolazione stessa.

Attualmente nel mondo vivono quasi 1,2 miliardi di persone tra i quindici e i ventiquattro anni e la maggior parte si trova in Africa. L’Italia, manco a dirlo, è il paese più vecchio del mondo, dopo Giappone e Germania. Quale sarà l’impatto a lungo termine dei cambiamenti demografici del mondo? Continue Reading

Condividi:

Il mondo invecchia, nel 2050 gli over 65 raddoppieranno

invecchiamento della popolazione

Nel 2015 l’8,5% degli abitanti del pianeta (617 milioni) aveva più di 65 anni ma entro il 2050 gli anziani raddoppieranno arrivando al 17% della popolazione. Un piccolo esercito di 1,6 miliardi di persone.

Il fenomeno dell’invecchiamento della popolazione è in atto dappertutto. Ma è particolarmente visibile nelle società più sviluppate, dove l’aumento delle speranze di vita si combina con una bassa fecondità, segnala il rapporto “Aging World: 2015” del Census Bureau Usa, commissionato dal National Institute on Aging (Nia), parte dei National Institutes of Health.

In media nel mondo si avranno quasi otto anni in più da vivere, ovvero l’aspettativa di vita media globale crescerà di quasi otto anni dal 2015 fino al 2050 passando dai 68,6 anni in media nel 2015 ai 76,2 anni nel 2050. I super-anziani, con più di 80 anni, in questo lasso di tempo triplicheranno, arrivando a 446,6 milioni. Continue Reading

Condividi: