0

Ecco in quali lavori i robot sostituiranno l’uomo

In quali lavori i robot sostituiranno l’uomo?

Il futuro sono i robot e sono pronti a rubarci il lavoro. I robot non consumano e non partecipano al ciclo economico. Utilizzarli dunque conviene alle aziendeIn quali lavori i robot sostituiranno l’uomo?

I robot non sono macchine che lavoreranno vicino e insieme alle persone per aumentarne la produttività, ma in alcune mansioni sostituiranno completamente l’uomo. Il futuro è già scritto.  Continue Reading


Condividi:

Robot e intelligenza artificiale con responsabilità civile e penale

esercito di robot

Chi è responsabile di un incidente con un’auto senza conducente? Chi proteggerà i dati personali immagazzinati dai robot? Chi paga per i danni provocati dall’intelligenza artificiale? Quali saranno gli effetti dell’automazione sul mercato del lavoro europeo? Queste sono soltanto alcune delle domande a cui la Commissione europea è chiamata a dare una risposta.

La quarta rivoluzione industriale sta portando l’affermarsi dell’Industria 4.0, basata sullo sviluppo della robotica, sull’interconnessione, sull’analisi dei dati e in generale sull’utilizzo delle nuove tecnologie. Si tratta di un mutamento graduale ma radicale della società che investirà tutti i settori dall’industria in senso stretto fino alla pubblica amministrazione con la perdita di milioni di posti di lavoro e la creazione di nuove figure professionali. Continue Reading

Condividi:
1

La prima “bambola del sesso” con intelligenza artificiale

Natalie-RealDoll



Disponibile sul mercato tra due anni, solo la testa costerà 10mila dollari. Il passo successivo sarà lavorare a una nuova versione che permetta di avere tutto il corpo della bambola “comandato” da un’intelligenza artificiale per un costo finale dai 30mila ai 60mila dollari (dai 27mila ai 53mila euro).

È il nuovo prototipo di RealDoll, azienda americana creata da Matt McMullen, 55 anni, che produce bambole a grandezza naturale dal 1996, con prezzi a partire da 3.000 a 10.000 dollari per modello (ovvero da 2.500 a 8.500 euro). Robot con pelle in silicone, scheletro mobile e corporatura quanto più possibile simile a quella di una donna vera. In questi anni ha venduto oltre 5.000 sex dolls, tutte diverse tra loro. I clienti infatti possono decidere il tipo di corpo e tutte le altre specifiche: dal colore della pelle, capelli e occhi alla grandezza del seno, fino alle dita dei piedi.

L’artista spiega come ha scoperto il suo talento di riprodurre con la plastica la carne femminile e come l’azienda ha iniziato ad espandersi: “Non è per tutti avere una delle mie creature. Numero uno, non tutti hanno la cura e il rispetto che serve per possederne una., bisogna rispettarle.. amarle.. non vanno trascurate..”. Ammette anche di testare il prodotto più volte, per assicurarsi che lavorano correttamente: “Ho dovuto fare una vagina in una scatola … e l’ho dovuta provare io stesso per capire se tutto andava bene. Si sta divertendo? Le piace quello che sta facendo? Se riuscissimo a creare l’illusione che il robot stia realmente parlando e interagendo con l’utente, questo sarebbe il nostro più grande risultato”.

Condividi: