0

Legambiente: I buoni e i cattivi delle nostre montagne

Carovana delle Alpi di Legambiente

Ogni anno Legambiente fotografa la situazione ambientale e culurale dei territori montani e assegna due riconoscimenti: “bandiere verdi“, per le pratiche innovative e le esperienze di qualità ambientale e culturale dei territori montani; “bandiere nere“, per le criticità e le lacerazioni del tessuto alpino. Ecco il bello e il brutto dell’Italia alpina. Continue Reading


Condividi:
0

La foresta come la vedono gli animali

foresta con gli occhi degli animali

Vedere il mondo attraverso gli occhi degli animali è sicuramente un’esperienza unica e di grande curiosità, poiché la visione animale è spesso più ampia di quella umana.

Grazie alla realtà virtuale del progetto “In the Eyes of an Animal” dello studio di design londinese Marshmallow Laser Feast che ha installato dei dispositivi nei boschi di Grizedale, in Inghilterra, tutto questo è possibile.

Le immagini ed i movimenti sono creati mediante una tecnologia di telerilevamento altamente avanzata. In questo modo il mondo naturale appare in tutta la sua realtà. Continue Reading

Condividi:
0

Magnate spagnolo distrugge la foresta degli ultimi Indiani sopravvissuti

Uno degli uomini più ricchi di Spagna è implicato nell’abbattimento illegale delle foreste dove si nascondono gli ultimi Indiani incontattati sopravvissuti in Sud America, al di fuori dell’Amazzonia.

Jacinto Rey González è il presidente dell’azienda Carlos Casado SA, filiale del Grupo San José, il gigante spagnolo delle costruzioni e del settore immobiliare. Rey González è anche Presidente e azionista di controllo del gruppo.

Due settimane fa, i funzionari forestali avevano colto in flagrante la Carlos Casado SA impegnata a spianare la foresta, a costruirvi edifici e serbatoi, e a posare una recinzione metallica nell’ampio blocco di foresta di loro proprietà, nel Chaco paraguaiano.

Questi lavori preliminari, eseguito in preparazione del completo disboscamento dell’area, sono illegali perché l’azienda non ha ottenuto le autorizzazioni ambientali richieste per legge. Probabilmente, tali autorizzazioni sarebbero state negate poiché è noto che la foresta è abitata da membri incontattati della tribù degli Ayoreo.

La scoperta di preparativi per la distruzione su larga scala di quest’area altamente sensibile ha indignato gli esperti locali. “Siamo testimoni di un etnocidio in corso. Questo crimine è una tragedia umana, una vergogna per il Paraguay agli occhi del mondo – e si fermerà solo se i responsabili saranno presi e puniti” hanno dichiarato Gladys Casaccia e Jorge Vera del GAT, un’organizzazione paraguaiana che dal 1993 lavora per mettere in sicurezza l’area insieme ad alcuni Ayoreo già usciti dall’isolamento.

Negli ultimi mesi, era diventato sempre più chiaro che gli allevatori avessero preso di mira l’area. In giugno Survival International aveva denunciato i tentativi fatti per ingannare gli Ayoreo e ottenere il permesso di costruire una nuova strada che avrebbe tagliato in due il loro territorio. La strada si sarebbe snodata lungo il confine settentrionale della proprietà della Carlos Casado.

“È scioccante scoprire che una delle più grandi aziende spagnole sia coinvolta in un’azione tanto scandalosa” ha commentato oggi Stephen Corry, direttore generale di Survival International. “Forse pensavano che nessuno se ne sarebbe accorto perché i fatti si stanno verificando in un angolo remoto del Sud America? Se persevereranno, saranno direttamente responsabili della distruzione del cuore della terra ayoreo, in flagrante violazione della legge nazionale e internazionale.

Da ricordare…

– La maggior parte dei membri della tribù degli Ayoreo è uscita dall’isolamento, ma alcuni membri rimangono nascosti nella foresta, nel Paraguay occidentale. Sono gli ultimi Indiani rimasti incontattati al di fuori dell’Amazzonia. La dilagante distruzione della foresta nella regione, in gran parte illegale, li costringe a mantenersi perennemente in fuga.

– Il Grupo San José è artefice della recente estensione del museo del Prado a Madrid, di parte del collegamento ferroviario ad alta velocità Madrid-Valencia e di molti altri progetti.

(Fonte Survival)

Le ultime tribù sulla terra. Viaggio tra le culture più a rischio di scomparsa. Dalle foreste pluviali della Papua Nuova Guinea e della Repubblica Centrafricana al regno dell’eremita di Mustang sull’Himalaya, fino all’outback australiano, “Le ultime tribù sulla Terra” è il diario ricco di avventure del premiato giornalista Paul Raffaele, che racconta i suoi viaggi tra alcune delle popolazioni e culture più isolate e minacciate del pianeta.

Condividi: