0

Legambiente: I buoni e i cattivi delle nostre montagne

Carovana delle Alpi di Legambiente

Ogni anno Legambiente fotografa la situazione ambientale e culurale dei territori montani e assegna due riconoscimenti: “bandiere verdi“, per le pratiche innovative e le esperienze di qualità ambientale e culturale dei territori montani; “bandiere nere“, per le criticità e le lacerazioni del tessuto alpino. Ecco il bello e il brutto dell’Italia alpina. Continue Reading


Condividi:
0

Video NASA: Vent’anni di cambiamenti stagionali visti dallo Spazio

20 anni di cambiamenti stagionali

La NASA ha realizzato uno spettacolare video di pochi minuti che punta a mostrare come il nostro pianeta sia vivo. Il Sea-viewing Wide Field-of-view Sensor della Nasa, lanciato nel 1997 e attivo fino al 2010, ha studiato il nostro pianeta da 700 km di quota. Colori, forme e fantasia degni del pittore più estroso. Continue Reading

Condividi:
1

Pierre Rabhi: “L’agroecologia salverà il pianeta dalla catastrofe”

agroecologia

La società umana può ancora modificare i suoi stili di vita e i paradigmi economici dominanti orientando il suo destino verso l’edificazione di un mondo migliore? Può ancora dare il diritto a ogni individuo di nutrirsi, vestirsi, curarsi, avere una dignitosa dimora e un’istruzione? Può cambiare rotta recuperando il suo atavico equilibrio con la natura, rispettando i delicati ecosistemi? Continue Reading

Condividi:
0

L’energia geotermica in Italia

energia geotermica

Quella geotermica è una forma di energia che trova origine dal calore della terra. Da qui il calore si propaga fino alle rocce prossime alla superficie, dove può essere sfruttato essenzialmente in due modi diversi. Per temperature superiori ai 150 °C si definisce alta entalpia, attraverso la quale è possibile produrre energia elettrica tramite una turbina a vapore (centrale geotermoelettrica).  

La geotermia italiana ad alta entalpia, tra la mancanza di una normativa chiara e le proteste dei tanti comitati del No alla geotermia“, prima contrari agli impianti geotermici tradizionali, ora spesso anche a quelli binari, continua a ristagnare.

Mentre tutte le altre fonti rinnovabili galoppavano, dal 2010, quando il settore, prima monopolio Enel, fu liberalizzato, al 2016 la produzione annuale da questa fonte in Italia è passata solo da 5 a 5,9 TWh. Continue Reading

Condividi: