Olio di palma: Sostituirlo è possibile, basta deciderlo

olio di palma

Dopo l’allarme EFSA cresce l’attenzione alla riformulazione delle ricette industriali in versione palm oil free, allo scopo di abbandonare lo scadente e pericoloso grasso tropicale. Al contrario di quanto dichiara una certa parte dell’industria alimentare, eliminarlo dalle ricette è un’operazione a portata di mano. Come? Reintroducendo olio extravergine di oliva, olii monosemi o burro. Grassi tipici della tradizione italiana e mediterranea.

Gli oli ricavati dalla palma rappresentano un terzo della produzione mondiale di grassi. A febbraio la distribuzione annua si è attestata su 66,22 milioni di tonnellate per l’olio di palma e 7,33 milioni per l’olio di palmisto. E l’Italia è tra i primi paesi in Europa nelle importazioni. Secondo l’Istat dal 2011 al 2015 è passata da 274 a 821.000 tonnellate, facendo registrare un + 300%. Continue Reading


Condividi: