0

Doping da medaglia: “55 ori olimpici e mondiali da invalidare”

doping-medaglia-atletica

La storia delle Olimpiadi e dei Mondiali di atletica non sarà mai riscritta ma l’inchiesta sul doping che hanno pubblicato e trasmesso il Sunday Times britannico e l’emittente tedesca Ard-tv tedesca è una documentata denuncia sullo sport disonesto e sulle gare di resistenza truccate, maratona, 5.000 e 10.000 metri, 3.000 siepi, 800 e 1.500 metri, la marcia di 20 e 50 chilometri, heptathlon e decathlon.

Centoquarantasei fra ori, argenti e bronzi vinti immeritatamente nelle due competizioni più prestigiose. La fotografia di un sistema che nonostante le belle parole sfugge alle regole del buonsenso, alle leggi, ai codici dello sport. E scoperchia gli scheletri che gli organismi internazionali, la Federazione di atletica (la Iaaf) nel caso specifico ma indirettamente anche il Comitato Olimpico (il Cio), conservano nei loro armadi, forse un po’ meno blindati.

Per fortuna esistono le gole profonde. Una o più di una. Come quelle che hanno consegnato ai reporter del Sunday Times e di Ard-tv 12.359 test del sangue effettuati su 5 mila atleti dal 2001 al 2012, con l’avvertenza che c’era qualcosa di strano nei dati custoditi dalla Iaaf. È stato giocoforza per le due testate mettere questo «tesoro» nelle mani di due medici e ricercatori, Robin Parisotto e Michael Ashenden: il primo è l’australiano che ha indagato sull’Epo e il secondo, sempre australiano, è stato fra i testimoni contro il ciclista Lance Armstrong. «Francamente non abbiamo mai visto una quantità del genere di esami del sangue così anormali, 21 degli sportivi testati rischiano l’attacco cardiaco». Roba da azzerare Olimpiadi e Campionati del mondo, per la precisione i sei Mondiali da Edmonton a Daegu e le tre Olimpiadi di Atene, Pechino, Londra. Un atleta su sette registra analisi che fanno prefigurare «un’altissima probabilità di assunzione di doping o di forte anomalie» (parole dei due medici), probabilmente dovute a trasfusioni e a Epo. Ottocento campioni di 94 Paesi nella rete della disonestà sportiva. L’atletica sulla graticola.

Settantasei medagliati o plurimedagliati grazie agli «aiuti» esterni: 55 ori, fra Giochi e Mondiali, 47 argenti, poi i bronzi. Il record di analisi olimpiche sospette a Pechino (19 ori), poi Atene (16 ori) e Londra (10). C’è pure una classifica speciale: quella delle nazioni più chiacchierate. In testa la Russia con il 30 per cento dei casi (l’80% delle sue medaglie), poi Ucraina, Turchia, Grecia, Marocco. Il Brasile è al 12%, la Giamaica al 9%. L’Italia è a metà, con il 6%, assieme a Germania e Belgio, prima di Usa, Cina, Francia, Giappone (5%), Gran Bretagna, Sudafrica e Svizzera si fermano al 4%, l’Australia è al 3%.

La graduatoria della vergogna che ha movimentato i lavori dei signori del Cio a Kuala Lumpur e ha suggerito a Craig Reedie, presidente della Wada (l’agenzia internazionale antidoping) una dichiarazione: «Queste sono accuse selvagge, dovremo indagare per fare luce sulla verità». Basta che si rivolga ai due medici, Parisotto e Ashenden, che già collaborano con la Wada. Niente nomi per non violare la privacy ma due esclusioni eccellenti dai file del doping: risultano puliti sia Usain Bolt sia il mezzofondista britannico Mo Farah. Le medaglie indiziate sono nei 1.500 metri (29 podi), la 20 chilometri di marcia (28), gli 800 metri (16), i 5 e 10 mila (15 e 15) come i 3.000 siepi, la marcia di 50 chilometri ne ha 13, chiudono heptathlon e decathlon (9) e maratona (6). Le «gare sporche», le ha definite il Sunday Times.

La Federazione internazionale di atletica ha provato a bloccare lo scoop. Fino a venerdì sera ha schierato avvocati e minacciato ricorsi in tribunale. Ma c’era poco da opporsi. E allora alla Iaaf non è rimasta che riservarsi «il diritto di intraprendere qualsiasi azione legale per proteggere la Federazione e i suoi atleti». Forse la cosa migliore sarebbe aumentare il budget per i controlli antidoping: oggi, 4 milioni di dollari all’anno, dato della stessa Iaaf. Che è la miseria del 5 per cento dei suoi ricavi.

Qui sotto il documentario completo in tedesco, dell’emittente Ard-tv, ma con la possibilità di attivare sottotitoli in italiano.


(Fonte: Corriere della Sera del 3 agosto 2015)


Condividi:
0

La nonna più veloce del Mondo

Ida Keeling
Ida Keeling ha 99 anni, a maggio festeggerà 100 anni, e percorre i 100 metri in 59 secondi e 80 centesimi. Alta un metro e 40, per 37 chili di peso, la super nonnina ha una salute di ferro. Nata a New York, Ida ha trasmesso la sua passione alla figlia 60enne, che è la sua allenatrice. Costanti allenamenti le hanno permesso di diventare la più anziana ad aver corso i 100 metri in una gara certificata, i Gay Games di Akron in Ohio, stando addirittura sotto il minuto. “Il mio medico mi ha detto che sono più sana di una ragazza di 20 anni“, ha dichiarato la “velocista”. Usain Bolt è avvertito….

Condividi: