Il lavoro uccide: Ogni anno nel mondo più di 2,3 milioni di vittime

morti sul lavoro

Ogni 15 secondi un lavoratore muore a causa di un incidente sul lavoro o per una malattia relativa al lavoro. Ogni 15 secondi 153 lavoratori hanno un incidente sul lavoro. Ogni giorno muoiono 6.300 lavoratori a causa di un incidente sul lavoro o per una malattia relativa al lavoro.

Sono oltre 337 milioni gli incidenti sul lavoro che avvengono ogni anno nel mondo e oltre 2,3 milioni le persone che muoiono per infortuni e malattie professionali (4000 
nell’Unione Europea). Molti dei quali per la mancata adozione di misure di sicurezza. Un bollettino più tragico di Aids e tubercolosi. Continue Reading


Condividi:
0

Occupazione Italia, solo Croazia e Grecia peggio di noi

1 maggio-festa dei lavoratori

A festeggiare il 1° maggio saranno circa 22 milioni e 500 mila italiani (lavoratori dipendenti più autonomi) e sebbene gli ultimi dati presentati ieri sulla disoccupazione dall’Istat ci dicono che le cose stanno migliorando, il nostro paese continua a registrare dei ritardi occupazionali molto preoccupanti. Tra i 28 paesi dell’Unione europea solo la Croazia (55,8%) e la Grecia (50,8%) presentano un tasso di occupazione più basso del nostro (56,3%). Continue Reading

Condividi:
0

Buona Festa del Precariato


Warning: sizeof(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/claudi45/public_html/wp-content/plugins/ad-injection/ad-injection.php on line 824

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/claudi45/public_html/wp-content/plugins/ad-injection/ad-injection.php on line 831

Lavoro-precario

Il lavoro continua ad essere un problema per le famiglie degli italiani. Una quota consistente, circa la metà, è colpita da problematiche legate all’occupazione. Il rischio di perderlo, la difficoltà a trovarlo, la cassa integrazione o l’estero come opportunità obbligata. La crisi cambia l’immagine del lavoro preferito. Sempre maggiore è l’aspirazione ad un lavoro sicuro, non importa quanta soddisfazione possa assicurare. Importante è la sicurezza per esorcizzare il rischio concreto di entrare nella spirale della disoccupazione. Le istituzioni dello stato e i sistemi di protezione pubblici sono percepiti lontani e impotenti sul fronte del lavoro. La tutela del lavoratore viene assolta, secondo gli italiani, ancor più che dal sindacato dalla famiglia. Il vero ammortizzatore sociale di un paese segnato dalla crisi globale dell’economia. Questo, in sintesi, è quanto emerge dall’inchiesta Demos-Coop realizzata in occasione della Festa del 1° Maggio. Continue Reading

Condividi: