Se ne sono andati

emergenza-rifiuti-Campania

Se ne sono andati.
Una alla volta.
In punta di piedi.
Il tempo non ne ha offuscata la memoria. Sono i nostri cari defunti.
Morti di cancro e di leucemia.
Prima del tempo stabilito.
Li abbiamo conosciuti.
Amati.
Oggi gridano il loro sdegno.
Con noi.
Per noi.
Vogliono parlare.
Per amore.
Per amore dei loro figli.
Dei loro fratelli.
Dei loro genitori.
Meritano di essere ascoltati.
Diamogli voce. E con la voce il nome.
E il volto.
Quel volto che ci è caro. Che tante volte abbiamo accarezzato.
Basta! È il lamento che sale dalle viscere della nostra terra.
Terra umiliata e bella.
Terra di fumi e di veleni.
Terra dove si muore più che altrove.
I nostri bambini ci chiedono di vivere.
È il loro sogno.
Lo stesso che ha sognato Iddio. Nessuno ha il diritto di rubare loro nemmeno un giorno.
O un’ora. Di rattristare i loro cuori.
Basta! Chiamiamo a raccolta i buoni.
Perché gridino con noi. Italia vieni in nostro aiuto!
Un popolo langue.
Un popolo viene condannato a morte.
Un popolo chiede i suoi diritti.
Alla salute.
Al respiro.
Al vivere civile.
Un popolo strenuamente lotta
perché non vuoi morire.

Padre Maurizio PATRICIELLO


Condividi:

Ti potrebbe anche interessare:

This entry was posted in Poesia and tagged , . Bookmark the permalink.

About Claudio Rossi

“Ci sono uomini nel mondo che governano con l’inganno. Non si rendono conto della propria confusione mentale. Appena i loro sudditi se ne accorgono, gli inganni non funzionano più.” Google+