Quando son venuto al mondo

Nicolas Guillén

Quando son venuto al mondo,
nessuno mi stava aspettando;
cosi il mio dolore profondo
mi si allevia camminando,
perché quando son venuto al mondo,
ti dico, nessuno mi stava aspettando.
Guardo gli uomini nascere,
guardo gli uomini passare;
bisogna camminare,
bisogna guardar per vedere,
bisogna camminare.
Altri piangono, e io me la rido,
perché il riso è tutta salute:
lancia della mia potenza,
corazza della mia virtù.
Altri piangono, io me la rido,
poiché il riso è tutta salute.
Cammino con i miei piedi,
senza stampella o bastone,
e la mia voce intera
e la voce intera del sole.
Cammino con i miei piedi,
senza stampella o bastone.
Con l’anima in carne viva,
qua sotto, sogno e lavoro;
già sarà quello di sotto sopra,
quando quello di sopra sarà sotto.
Con l’anima in carne viva,
qua sotto, sogno e lavoro.
C’è gente che mi vuoi male,
perché sono un poveraccio;
ma quand’essi moriranno
sarò al loro funerale.
Cosi mi vogliono male,
perché sono un poveraccio.
Guardo gli uomini nascere,
guardo gli uomini passare;
bisogna camminare,
bisogna guardar per vedere,
bisogna camminare.
Quando son venuto al mondo,
ti dico,
nessuno mi stava aspettando;
cosi il mio dolore profondo,
ti dico,
mi si allevia camminando,
ti dico
poiché quando son venuto al mondo,
ti dico,
nessuno mi stava aspettando.

Nicolas Guillén


Condividi:
TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE:
This entry was posted in Poesia and tagged . Bookmark the permalink.

About Claudio Rossi

“Ci sono uomini nel mondo che governano con l’inganno. Non si rendono conto della propria confusione mentale. Appena i loro sudditi se ne accorgono, gli inganni non funzionano più.” Google+