Proposta per legalizzare e regolarizzare la prostituzione

Case chiuse

La presente proposta parte dal presupposto che il “mestiere più antico del mondo” non sarà certo cancellato da un semplice divieto di esercizio (se è stato il primo a comparire, probabilmente sarà l’ultimo a scomparire). Essa è perciò finalizzata alla legalizzazione e regolarizzazione della prostituzione professionale secondo le seguenti linee guida:

  • Il prostituente (uomo-donna-trans) è un professionista a tutti gli effetti, alla pari di un avvocato o un commercialista.
  • Non è possibile esercitare la professione prima del compimento della maggiore età.
  • L’esercizio della professione prevede l’iscrizione ad un albo gestito dallo Stato, a cui spetta il monopolio nella concessione delle licenze.
  • Il prostituente, in quanto professionista, è soggetto ad obblighi fiscali periodicamente verificati e a rigorose norme igienico-sanitarie.
  • Si prevede il controllo periodico del rispetto delle norme igienico-sanitarie.
  • Si prevedono agevolazioni fiscali per chi promuove attivamente la prevenzione e l’informazione nell’ambito della propria professione.
  • Il prostituente esercita la propria professione all’interno di un locale privato (analogo agli studi professionali).
  • Si prevede la possibilità di aprire locali associati di piccole dimensioni, ma non la riapertura dei classici “bordelli”.
  • Non è consentito prostituirsi per strada né in altri luoghi pubblici
  • Rimane vietata ogni forma di sfruttamento della prostituzione altrui.
  • La legge stabilisce eventuali limitazioni riguardo alla clientela (ad esempio, il divieto per i minorenni) e riguardo alla pubblicità.
  • La legge stabilisce anche le pene previste per chi viola le norme.

VOTA LA PROPOSTA SU tuparlamento


Condividi:

Ti potrebbe anche interessare:

This entry was posted in Voce del Popolo and tagged , . Bookmark the permalink.

About Claudio Rossi

“Ci sono uomini nel mondo che governano con l’inganno. Non si rendono conto della propria confusione mentale. Appena i loro sudditi se ne accorgono, gli inganni non funzionano più.” Google+