Presidente, chiedo a lei…

Giorgio-Napolitano-Presidente-della-Repubblica

Presidente, chiedo a lei
se l’Italia è un grande scherzo
se da tanti anni ormai
questo stato è un caso perso

E’ l’Italia, sì, lo so
un paese d’equità
ma ritengo sia del tempo
che si scherza, lei lo sa!

Non lo dico a vantaggio
del medesimo, coraggio!
Ma lo dico perchè c’è
chi fortuna ha men di me

Presidente, caro mio
io le metto per iscritto
che per molti non c’è Dio
ma un bel mutuo o un affitto

Le assicuro, io son certo
(ci confido nello stato)
c’è qualcun d’altolocato
che amministra per diletto

Io son serio, Presidente
è uno sforzo confrontarlo
con chi, sì, l’ha preceduto
ma il dover suo sa ben farlo

Presidente, non ignoro
che per lei è arduo (e strano)
stare al gioco di chi teme
il giudizio dello stato

Presidente, io e lei
amiam troppo questa patria
per vederla ‘sì straziata
non da noi (me o lei)

ma da chi per negligenza,
poca voglia o infedeltà
ci tradisce (de tendenza)
o promette qua e là!

Presidente, chiedo a lei
se le sembra “amore” questo
io le dico e qui le scrivo:
a me sembra un caso perso

Mauro C. – Studente Liceo Classico “G.B. Vico” Chieti


Condividi:

Ti potrebbe anche interessare:

This entry was posted in Poesia and tagged , . Bookmark the permalink.

About Claudio Rossi

“Ci sono uomini nel mondo che governano con l’inganno. Non si rendono conto della propria confusione mentale. Appena i loro sudditi se ne accorgono, gli inganni non funzionano più.” Google+