O’ matrimonio, poesia inedita di Totò

Antonio De Curtis

La poesia inedita di Totò, Antonio De Curtis, “O’ Matrimonio”. Lo sfogo di uno scapolo che vuole fuggire alle nozze. Il testo, in occasione del cinquantenario della morte (15 aprile 1967), sarà in mostra a Napoli.

M ò songhe n’ommo anziane:
stonghe ‘nzurdenno ‘e recchie
e ‘a vista s’alluntana!
Ero ‘nu schiavuttiello:
mo songhe fumo ‘e Londra!
Zumpavo ‘a campaniello
e mò tutto me và contro.
S’allasca la memoria…
me scordo tutte cosa:
me faccio ‘o promemoria
si voglio fà quaccosa!
Mammà mi disse: «Sposati,
ormaie tiene ll’età!»
E m’abboffano ‘e chiacchiere
assieme ‘cu papà;
ma io songhe cuntrario,
nun me voglio ‘nzurà!
‘ J tengo tanta esempie,
pecche m’aggià ‘nguaià?
M’aggia spusà ‘na femmena
ca nun saccio chi è…
M’aggià ‘ngullà n’estranea… Chi m’‘o fa fà e pecchè?
Sapimmo ‘o matrimonio ch’effetto me pò fà?
E si caccio nu vizio
‘a chi ‘o vaco ‘a cuntà?
Può essere maniaca sessuale
e in una notte tragica
me pò fa pure ‘a pella…
‘A chi vaco ‘a recorrere?
‘O conto ‘a don Guanella?
‘J ‘a notte sò sensibile,
me pozzo scetà ‘e botto…
me veco chesta estranea
‘ca se fà sotto sotto!
Mettiamo un giorno a tavola pranzanno, st’assassina,
me mette ‘e barbiturice
dint’‘o bicchiere ‘e vino…

Qui la traduzione


Condividi:
TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE:
This entry was posted in Poesia and tagged , , . Bookmark the permalink.

About Claudio Rossi

“Ci sono uomini nel mondo che governano con l’inganno. Non si rendono conto della propria confusione mentale. Appena i loro sudditi se ne accorgono, gli inganni non funzionano più.” Google+