Non c’è niente da ridere

risate-politici-parlamento-governo

Io sono per vietare di ridere in pubblico ai politici. Sono colpevoli dei morti suicidi, sono colpevoli della perdita della sovranità monetaria, sono colpevoli di peculato, sono colpevoli di incapacità amministrativa, sono colpevoli di incoerenza. Sono tutti colpevoli e basta! E si permettono di ridere? Ma come può uno che ha tradito il mandato per cui è stato eletto avere la faccia tosta di ridere? Ma cosa ridono? Dovrebbero piangere lacrime amare, e chiedere pietà e perdono a Tutti.

Massimo T.


Condividi:

Ti potrebbe anche interessare:

This entry was posted in Politica, Voce del Popolo. Bookmark the permalink.

About Claudio Rossi

“Ci sono uomini nel mondo che governano con l’inganno. Non si rendono conto della propria confusione mentale. Appena i loro sudditi se ne accorgono, gli inganni non funzionano più.” Google+