0

Lavarsi le mani salva la vita a 6 milioni di bambini



Myriam Sidibe è una guerriera nella lotta contro le malattie infantili. La sua arma? Una saponetta. Per una prevenzione economica contro le malattie, è difficile battere il lavarsi le mani con il sapone, che riduce i rischi di polmonite, diarrea, colera e malattie peggiori. Circa 1.400 bambini sotto i cinque anni di età ogni giorno muoiono a causa di malattie diarroiche dovute alla mancanza di acqua sicura e di servizi igienico-sanitari di base. Secondo l’UNICEF, a livello mondiale , la diarrea è ancora la seconda causa di mortalità infantile sotto i cinque anni di età. “Il semplice gesto di lavarsi le mani con il sapone è uno dei modi più efficaci per salvare la vita di un bambino. Lavarsi le mani prima di mangiare e dopo aver defecato riduce drasticamente la diffusione di malattie diarroiche e ha effetti di vasta portata sulla salute e sul benessere dei bambini e delle comunità”, ha dichiarato Sanjay Wijesekera, Responsabile per i programmi idrici e igienici (WASH) dell’UNICEF. In questo intervento tenuto alla conferenza del TED, Sidibe esperta in salute pubblica, sostiene la collaborazione tra pubblico e privato per promuovere le mani pulite e un’imprenditorialità locale sostenibile.

“Immaginate un aereo che sta per schiantarsi con 250 ragazzi e bambini, e se sapeste come fermarlo, lo fareste? Immaginate che 60 aerei pieni di bambini sotto i cinque anni si schiantino ogni giorno. È il numero di bambini che non arrivano al quinto compleanno. 6,6 milioni di bambini non arrivano ai cinque anni.

Gran parte di queste morti sono evitabili, e questo non solo mi rende triste, mi fa arrabbiare e mi rende determinata. Diarrea e polmonite sono le due principali cause di morte dei bambini sotto i cinque anni e possiamo evitare queste malattie non tramite qualche nuova tecnologia intelligente, ma tramite una delle invenzioni più antiche: la saponetta.

Lavarsi le mani con il sapone, un’abitudine data per scontata, può ridurre la diarrea della metà, può ridurre le infezioni respiratorie di un terzo. Lavarsi le mani con il sapone può avere un impatto sulla riduzione dell’influenza, del tracoma, della SARS, e di recente nel caso del colera e dell’epidemia di Ebola, uno degli interventi chiave è lavarsi le mani con il sapone. Lavarsi le mani con il sapone tiene i bambini a scuola. Impedisce ai bambini di morire. Lavarsi le mani con il sapone è uno dei metodi più economici per salvare la vita ai bambini. Può salvare più di 600.000 bambini all’anno. È l’equivalente di impedire a 10 jumbo al giorno pieni di bambini di schiantarsi. Immagino che sarete d’accordo che sia un intervento sanitario pubblico utile.

Prendetevi un minuto. Credo che dobbiate conoscere la persona accanto a voi. Perché non le stringete la mano. Stringetele la mano. Bene, conoscetevi. È proprio carina. Bene. E se vi dicessi che la persona a cui avete appena stretto la mano non si è lavata le mani dopo essere andata in bagno? Non è più così carina, vero? Che schifo, sarete d’accordo con me. Le statistiche mostrano che quattro persone su cinque non si lavano le mani quando escono dal bagno, a livello globale. Allo stesso modo, non lo facciamo in bei bagni, con acqua corrente, sapone a disposizione, vale lo stesso in paesi in cui la mortalità dei bambini è molto alta.

Cos’è? Non c’è sapone? In realtà il sapone c’è. Nel 90 per cento delle case in India, 94 per cento delle case in Kenya, troverete del sapone. Anche in paesi in cui c’è poco sapone, come in Etiopia, siamo al 50 per cento. Allora perché? Perché la gente non si lava le mani? Perché Mayank, il ragazzo che ho incontrato in India, non si lava le mani? Nella famiglia di Mayank, il sapone si usa per farsi il bagno, per fare il bucato, il sapone si usa per lavare i piatti. I genitori pensano talvolta che sia un bene prezioso, quindi lo tengono nell’armadietto. Lo tengono fuori dalla sua portata perché non vada sprecato. In media, nella famiglia di Mayank, usano il sapone per lavarsi le mani una volta al giorno nella migliore delle ipotesi, e qualche volta addirittura una volta a settimana. Quali sono le conseguenze? I bambini prendono malattie nel luogo in cui più dovrebbero essere amati e protetti, a casa loro.

Pensate a dove avete imparato a lavarvi le mani. Avete imparato a lavarvi le mani a casa? Avete imparato a scuola? Credo che gli esperti di comportamento vi diranno che è molto difficile cambiare abitudini acquisite da piccoli. Tuttavia, copiamo tutti quello che fanno gli altri, e le norme culturali locali condizionano il nostro comportamento, ed è qui che entra in gioco il settore privato. In Asia e Africa, ogni secondo 111 madri comprano questa saponetta per proteggere la propria famiglia. Molte donne in India vi diranno che hanno imparato tutto su igiene, malattie, da questa saponetta di marca Lifebuoy. I marchi rappresentativi hanno la responsabilità di fare il bene nei luoghi in cui vendono i loro prodotti. È questa convinzione, più la dimensione Unilever, che ci consente di continuare a parlare del lavarsi le mani con il sapone e dell’igiene per queste madri.

Le grandi aziende e marche possono cambiare, modificare queste norme sociali e fare la differenza per queste abitudini così resistenti. Pensateci: il marketing cerca continuamente di farci passare da una marca all’altra. E sa come trasformare scienza e fatti in messaggi convincenti. Solo per un minuto, immaginate quando tirano fuori la forza che sta dietro a un messaggio forte quanto lavarsi le mani con il sapone. Il movente del profitto trasforma la salute in questo mondo.

Succede da secoli: la marca Lifebuoy è stata lanciata nel 1894 durante l’Inghilterra Vittoriana per contrastare il colera. La settimana scorsa, ero in Ghana con il ministro della salute, perché se non lo sapete, c’è un’epidemia di colera in Ghana in questo momento. 118 anni dopo, la soluzione è esattamente la stessa: si tratta di assicurare che abbiano accesso a questa saponetta e che la usino, perché è la prima soluzione per fermare la diffusione del colera. Credo che il movente del profitto sia molto forte, qualche volta più forte dell’ente di beneficenza più impegnato o del governo.

Il governo fa quello che può, specialmente per le pandemie e per le epidemie come il colera, o l’Ebola in questo momento, ma con priorità in conflitto. I budget non ci sono sempre. Pensate a quello che serve perché lavarsi le mani diventi un’abitudine quotidiana, servono fondi continui per affinare il comportamento. In breve, coloro che lottano per la salute pubblica dipendono dalle aziende di sapone per continuare a promuovere il lavarsi le mani con il sapone. Abbiamo amici come USAID, Global Public-Private Partnership for Handwashing with Soap, London School of Hygiene and Tropical Medicine, Plan, WaterAid, che credono tutti in una collaborazione vincente per tutti. Vincente per il settore pubblico, perché lo aiutiamo a raggiungere gli obiettivi. Vincente per il settore privato, perché costruiamo nuove generazioni di future mani pulite. E soprattutto, vincente per i più vulnerabili. Il 15 ottobre, abbiamo festeggiato la giornata nazionale delle mani pulite. Scuole, comunità, i nostri amici del settore pubblico e i nostri amici del settore privato – e in quel giorno anche i nostri concorrenti – ci siamo uniti tutti per festeggiare l’intervento di salute pubblica più importante del mondo. Quel che serve, e di nuovo, dove il settore privato può fare una differenza enorme, è tirare fuori il pensiero creativo che porta al sostegno. Se prendete la nostra campagna Help a Child Reach 5 abbiamo realizzato grandi filmati che portano il messaggio del lavarsi le mani con il sapone alla gente comune in modo intuitivo. Abbiamo avuto più di 30 milioni di visualizzazioni. Gran parte delle discussioni sono ancora in corso. Vi invito a spendere cinque minuti per guardare questi filmati.

Vengo dal Mali, uno dei paesi più poveri del mondo. Sono cresciuta in una famiglia dove ogni conversazione a tavola riguardava la giustizia sociale. Sono cresciuta in primarie scuole europee per la salute pubblica. Credo di essere una delle poche donne del mio paese con questa qualifica e l’unica con un dottorato in lavarsi le mani con il sapone. Nove anni fa, con una carriera in salute pubblica in formazione, ho deciso che potevo avere un impatto significativo, vendendo e promuovendo la migliore invenzione del mondo per la salute pubblica: il sapone. Oggi gestiamo il programma di lavaggio delle mani più grande del mondo secondo qualunque standard di salute pubblica. Abbiamo raggiunto 183 milioni di persone in 16 paesi. Il mio team e io abbiamo l’ambizione di raggiungere un miliardo entro il 2020. Negli ultimi quattro anni, il settore è cresciuto a doppia cifra, mentre la mortalità infantile si è ridotta in tutti i luoghi in cui è aumentato l’uso del sapone. Potrebbe suonare male ad alcuni sentire crescita del settore e vite salvate risuonare nella stessa frase, ma è quella crescita che ci permette di fare di più. Senza, e senza parlarne, non possiamo realizzare i cambiamenti necessari.

La settimana scorsa, il mio team ed io siamo andati a visitare delle madri che hanno tutte vissuto la stessa cosa: la morte di un neonato. Sono una mamma, non posso immaginare niente di più forte e più doloroso. Questa è del Myanmar. Aveva il sorriso più bello, il sorriso, penso, della vita quando ti dà una seconda possibilità. Suo figlio, Myo, è il suo secondo figlio. Aveva una figlia morta a tre settimane e sappiamo che la maggior parte dei bambini che muoiono, muoiono durante il primo mese di vita e sappiamo che dando una saponetta a ogni ostetrica, e se il sapone viene usato prima di toccare i bambini, possiamo ridurre questi numeri. Questo è quello che mi ispira, mi spinge a continuare in questa missione, sapere che posso attrezzarle con il necessario perché possano fare il lavoro più bello del mondo: crescere un neonato. La prossima volta che pensate a un regalo per una neomamma e la sua famiglia, non guardate lontano: comprate un sapone. È la più bella invenzione della salute pubblica.

Spero che vi unirete a noi perché lavarsi le mani diventi parte della vostra vita quotidiana e della nostra vita quotidiana e aiuterete altri bambini come Myo a raggiungere i cinque anni. Grazie”.


Condividi:

Claudio Rossi

“Ci sono uomini nel mondo che governano con l’inganno. Non si rendono conto della propria confusione mentale. Appena i loro sudditi se ne accorgono, gli inganni non funzionano più.” Google+

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *