La storia della signora Maria Iemmolo vittima dei tagli alla sanità

Un grosso problema sociale che, al di là del caso specifico, interessa parecchie altre persone.

Maria Iemmolo, commerciante modicana, dopo l’ennesimo intervento, ha deciso di raccogliere le forze per farsi portavoce di una situazione che sicuramente interesserà tanti altri pazienti, colpiti dai tagli indiscriminati alla sanità.

Tagli reali che rischiano di creare un grosso problema sociale per chi non potrà mettersi determinate tipologie di cure e di farmaci. La signora Maria è diventata una delle molteplici vittime che i continui tagli alla sanità continuano a mietere giornalmente. In seguito a un intervento chirurgico a cui è stata sottoposta alcuni anni fa, ha avuto necessità di utilizzare determinati presidi medici, indispensabili per la sopravvivenza, che fino a qualche settimana fa l’Asp le forniva gratuitamente. Poi senza alcun preavviso l’amara scoperta: a causa di tagli su scala nazionale nel suo caso e per la sua patologia non si sarebbe potuto più procedere con l’erogazione dei presidi gratuitamente. I costi che la donna modicana avrebbe dovuto affrontare tra l’altro consisterebbero in più di 300 euro al mese, spese troppo alte che non possono essere sostenute a lungo, che si aggiungono ad altre già affrontate in seguito al primo intervento.

Così la signora Maria è stata costretta a sottoporsi a stomia, un’operazione invasiva e difficile da affrontare anche dal punto di vista psicologico. Ora però ha necessità di utilizzare un’altra tipologia di presidi che l’Asp le fornisce gratuitamente, ma anche in questo caso la signora Maria incontra ulteriori difficoltà per ottenere una determinata tipologia di catetere, visto che quello che l’azienda sanitaria le fornirebbe gratuitamente le ha già causato problemi. L’interessata auspica dunque che dall’ Asp arrivino risposte adeguate alla problematica.

(Fonte corrierediragusa)


Condividi:

Claudio Rossi

“Ci sono uomini nel mondo che governano con l’inganno. Non si rendono conto della propria confusione mentale. Appena i loro sudditi se ne accorgono, gli inganni non funzionano più.” Google+