La società

Totò

“Signò m’aita scusà … i’ songo ‘e fore;
‘o saccio, nun capisco…sò cafone;
però vurria sapè ched’è sta confusione?

Sti strille, chesta gente…e chillu carruzzone.
E chilli tre guagliuni
miezo a lli guardie cu e fucile armate
ca ‘e porteno ‘ncatena ammanettate.

Chi songo? Tre assassini?
Tre briganti ‘e via Nova?
Tre carnette ‘e malaspina?
Chi songo… e ch’anno fatto?”.

“Niente di tutto questo, amico caro,
sono tre ladri, come vedi è chiaro.
Li portano in prigione ammanettati,
perchè la Società; li ha giudicati”.

“S’avettano arrubbà; nu miliardo,
che ssaccio… un patrimonio … “.
“Un miliardo? No, non dir sciocchezze!
Rubaron, sì, ma delle frivolezza:
mi pare, da una sporta, qualche mela.
Il gioco non valeva la candela”.

“Signó m’aita scusà; … i’ songo ‘e fora;
lo saccio, nun capisco… sò cafone;
e quanto l’hanno date?
e quanto hanna scuntà; ?”.

“Un anno e quattro mesi, se non sbaglio.
Infatti la facenda passò al vaglio
d’un giudice severo e molto irato,
perchè quel furto lo trovò aggravato”.

” ‘A faccia d’ ‘o saciccio!
E chesto è tutto?
Signò pe’ quacche mela…
ma ch’erano presutte?”

“Io penso che prosciutti o non prosciutti
la legge è legge ed è ugual per tutti.
La Società; esige la condanna,
per chi la buona fede altrui inganna”.

“Ah sì! chesto è overo,
è santa verità;
la legge è legge e s’adda rispettà; .
Signò , ma spisso ‘o cane mozzeca ‘o stracciato.

E quacche vota ‘a legge putesse fà ‘a cecata!
E mo m’aita scusà… i’ songo e fora
e nun saccio parlà, ve l’aggio ditto già; ;
ma c ‘o permesso vuoste, vurria sapè chi site”.

“Ancora tu non m’hai riconosciuto?
Ma allora tu sei un socio sprovveduto”.

“Signò , mo nun capisco…
che vò significà; ?
Sò addeventato socio?
‘E quale società; ?”

“La Società; Umana… quella nostra.
Tutti apparteniamo a questa giostra.
E’ Società simbolica,
libera e democratica».

“Ah no! Mi dispiace signor mio!
Chello ca i’ penzo ‘e vuie,
o sape sulo Ddio!
Umano avite ditto?

Allora nuie mannammo,
senza penzà; , ‘ngalera
a chi se more e famma?
Chesta è na fetenzia… nun è democrazia!

Spiegateme na cosa:
Chi ha fatto chesti leggi scustumate,
ca pe chi tene famma
a pena s’è aggravata?”.

“Noi della Società; demmo il mandato
col nostro voto a qualche deputato”.

“Ma allora ‘a colpa è ‘a nosta?
Nuie aimma jì, ‘ngalera!
Tenimmo ‘a faccia tosta
e la coscienza nera.

‘A famma ‘o ssaje ched’è ?
‘Na brutta malattia:
da ‘o fuoco a nu governo, te cagna ‘a geografia,
pò scancellà; na storia, distrugge ‘a munarchia.

Pò capità; ‘e vedè ‘ncopp’ ‘a na barricata,
chill’ommo a panza chiena
ca primma ha condannato,
cu na scuppetta ‘mmano ca spara scuppettate!”.

Antonio De Curtis in arte Totò


Condividi:

Ti potrebbe anche interessare:

This entry was posted in Poesia and tagged , , . Bookmark the permalink.

About Claudio Rossi

“Ci sono uomini nel mondo che governano con l’inganno. Non si rendono conto della propria confusione mentale. Appena i loro sudditi se ne accorgono, gli inganni non funzionano più.” Google+