0

La scioccante verità sulla carne che non vogliono mostrarti



In Italia ogni anno vengono allevati tra atroci sofferenze oltre 10 milioni di maiali. Animal Equality ha collaborato negli ultimi mesi a stretto contatto con il noto programma AnnoUno, per un’inchiesta televisiva senza precedenti andata in onda giovedì 21 maggio sul canale La7 con 1.020.936 persone davanti allo schermo e il 4,83% di share. A seguito di quest’inchiesta, Animal Equality lancia in esclusiva sul Corriere della Sera ulteriori immagini sconvolgenti che denunciano la realtà vissuta da milioni di maiali all’interno di diversi allevamenti intensivi e nei macelli.

La nostra squadra investigativa ha ottenuto riprese sotto copertura di quello che accade ai maiali durante la macellazione e reso pubbliche diverse immagini di come vengono trattati questi animali negli allevamenti, dall’inizio della loro vita.

  • Scrofe inseminate artificialmente all’interno di piccolissime gabbie di gestazione dove saranno costrette a vivere tutta la gravidanza e gran parte della loro vita.
  • Cuccioli abbandonati senza cure, schiacciati e gettati uno sull’altro come spazzatura.
  • Zone di ingrasso stracolme, riempite all’inverosimile nella sporcizia, tra urine e feci.
  • Malattie e ferite gravi non curate.
  • All’interno del macello ecco ciò che accade sotto gli occhi degli investigatori sotto copertura, che hanno deciso coraggiosamente di filmare la fine di questi animali, ‘storditi’ all’inizio con corrente elettrica e subito dopo con un colpo in testa. Dopo tutto questo vengono sgozzati e lasciati agonizzanti per diversi minuti.

Questo è il trattamento che viene riservato in Italia a milioni di maiali destinati al consumo umano, un trattamento che deve cambiare, subito.


Condividi:

Claudio Rossi

“Ci sono uomini nel mondo
che governano con l’inganno.
Non si rendono conto
della propria confusione mentale. Appena i loro sudditi se ne accorgono,
gli inganni non funzionano più.”
Google+

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *