La onlus che ruba ai poveri per diventare ricca

rubare ai poveri
Lucravano sul cibo destinato ai poveri. A tal punto da incassare in pochi mesi fino a 4 milioni di euro. Uno schiaffo a 4,1 milioni di poveri che in Italia hanno bisogno di aiuto per alimentarsi e tra i quali ci sono anche oltre quattrocentomila bambini con meno di 5 anni. È stata definità così da Coldiretti la maxi truffa all’Unione europea scoperta dall’inchiesta del Nas di Milano coordinato dal colonnello Alessio Carparelli che ieri ha portato in carcere 12 persone tutte accusate di associazione a delinquere finalizzata alla truffa e al peculato.

Il cibo in questione era rappresentato da frutta e verdura in eccesso acquistati con contributi comunitari per essere distribuiti gratuitamente a scopo assistenziale che i produttori al posto di mandare al macero inviavano alla onlus “Sei per Secu” di Secugnago, in provincia di Lodi affinché li girasse alla Caritas o alla Croce rossa. L’associazione di Lodi invece, falsificando attestati di consegna, inviava solo una piccola quantità della merce ad associazioni benefiche o di volontariato. Dalle fatture, contraffate, risultava che invece gli venisse donato tutto il carico. In realtà i carichi di frutta venivano piazzati sul mercato e rivenduti a prezzi concorrenziali a distributori all’ingrosso in tutta Italia, oppure sui mercati esteri dell’Est Europa, fra cui Croazia e Romania. Il sospetto è nato dalle targhette poste sulle confezioni, su cui vi era scritto che la frutta era destinata alla donazione e non alla vendita.

Nel corso dell’indagine, sono emerse alcune intercettazioni: le persone ascoltate ironizzavano sul loro ruolo di ‘benefattori’ che, in realtà, rubavano frutta e verdura ai poveri per fare milioni di euro. Non solo, si vantavano di essere più potenti del Vaticano, scherzavano sui loro profitti e sulla modalità illecita, senza farsi scrupolo della percentuale irrisoria che consegnavano agli enti benefici.

L’indagine ha portato al sequestro di 13mila tonnellate di prodotti, con oltre 900 transazioni illecite di frutta e verdura per un valore di 4 milioni di euro, ha coinvolto 19 province, tra cui Latina e il mercato ortofrutta di Fondi, il più grande in Italia, strategico sia in entrata che in uscita. Sono 10 le persone arrestate, compreso il presidente della onlus lodigiana, e altri 10 i denunciati a piede libero. Due gli arresti eseguiti a Milano.


TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE:
This entry was posted in Attualità and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

About Claudio Rossi

“Ci sono uomini nel mondo che governano con l’inganno. Non si rendono conto della propria confusione mentale. Appena i loro sudditi se ne accorgono, gli inganni non funzionano più.” Google+