Jeff Bezos il Signor Amazon

Jeff Bezos è il fondatore e il Chief Executive Officer di Amazon.com , papà del Kindle e dell’ultima sua creatura il tanto atteso Kindle Fire, scopriamolo in un intervista rilasciata al mensile Wired di Gennaio.

Fire sembra qualcosa in più dell’ennesimo antagonista dell’Ipad.

Si,è vero.Noi abbiamo costruito un media service integrato.L’hardware è un elemento cruciale del servizio,ma è solo una parte.

E costa appena 199 dollari.

Facciamo prodotti di qualità a prezzi competitivi. La nostra azienda è solita operare con bassi margini di guadagno. È nel nostro dna

Per anni, lei ha tessuto le lodi della carta elettronica, l’e-ink, per la lettura,a scapito dei dispositivi retroilluminati. Fire però è retroilluminato. Perché gli utenti di Kindle dovrebbero cambiare?

Dovrebbero comprare entrambi. Quando leggi in forma lunga, non c’è confronto: ci vuole l’e-ink. Che però non va bene per guardare i film; né puoi videogiocare con Android.

Com’ è riuscita Amazon a reinventarsi con tanta coerenza nell’arco degli ultimi 15 anni?

Una delle nostre forze culturali è accettare il fatto che inventare significa anche demolire. È una filosofia non certo amata da una serie di interessi consolidati.

Secondo Eric Schmidt , il presidente di Google, i magnifici quattro in campo tecnologico di oggi sono Apple, Facebook,Google e voi. Anche lei considera Amazon in questi termini?

Queste classifiche sono carine,ma io non avrei escluso Microsoft.Quest’azienda ha realizzato un sacco di cose innovative. Quando vedi una lista come questa ti dovresti chiedere: chi sarebbe entrato in classifica dieci anni fa?E allora rimani con i piedi per terra. Facciamo un salto nel 1980. Lei chi avrebbe predetto fra i magnifici quattro dell’era del personal computer?

L’Ibm.

Giusto. E Intel, Forse. Ma potevamo aggiungere Commodore o Atari. Ogni epoca ha le sue cose spettacolari. È meglio tuttavia che un’azienda non dipenda da oggetti di culto, perché potrebbero non durare. Ci vuole qualcosa di più stabile.

Amazon si è messa a pubblicare libri. Che cosa vi distingue dagli editori tradizionali?

Per cominciare, il prezzo. 9 euro e 99 è il prezzo più alto ragionevole per il cliente.

Alcuni editori non sono d’accordo con lei.

La filosofia di Amazon è pioneristica, e ci piace scompaginare persino la nostra azienda.

Parlando di prezzi,è curiosa la vostra scelta di includere i video streaming nel pacchetto Amazon Prime per Kindle Fire. Perché non li fate pagare a parte? Sono servizi diversi, no?

Ci sono due modi per costruire un’ azienda di successo. Primo, mettercela tutta per convincere i clienti a pagare prezzi alti. Secondo, dare il massimo per permettersi di offrire ai clienti prezzi bassi. Noi siamo gli irriducibili del secondo campo. È complicato ,perché devi eliminare i difetti ed essere molto efficiente. Ma è anche un modo di guardare le cose. Preferiamo avere una base di clienti molto ampia e bassi margini di guadagno, piuttosto che una base ristretta di consumatori e margini più elevati.

Lei ha anche fondato la Blue Origin , una società che si propone di entrare in futuro nel mercato del turismo spaziale. Perché si è buttato in questa iniziativa?

È un impresa in cui sto mettendo tutte le mie energie. Quando avevo cinque anni, vidi in televisione Neil Armstrong passeggiare sulla luna. E così scattò in me la passione per la scienza, la fisica, la matematica, e per le esplorazioni.

E Steve Jobs?Le Manca, suppongo.

Steve è stato un maestro per chiunque sapesse ascoltare, e se ne è andato troppo presto.


Condividi:

Ti potrebbe anche interessare:

This entry was posted in Personaggi and tagged , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.