In Brasile continua la protesta, nonostante il discorso del presidente Dilma Rousseff

Dilma Rousseff proteste in Brasile

In Brasile continuano le manifestazioni contro corruzione e carovita. Un sondaggio diffuso nella nazione sudamericana rileva che il 75% della popolazione condivide e appoggia le rivendicazioni dei manifestanti. Secondo i rilevamenti dell’istituto Ibope, il 78% dei brasiliani considera quello della sanità pubblica il settore più danneggiato del Paese. Per il 77% degli intervistati il costo dei trasporti rappresenta un vero e proprio problema. Al terzo posto si colloca la corruzione dei politici (47%) e più in generale il sistema corruttivo nell’amministrazione locale e nazionale. Per quanto riguarda il capitolo calcio e spese, il 40% degli intervistati è favorevole alla Confederations Cup, il 28% è combattuto sull’argomento e il 31% è contro il torneo. Mentre sull’organizzazione dei prossimi Mondiali il 40% è totalmente a favore, il 27% a favore ed il 29% contrario. Il sondaggio è stato fatto su un campione di 1008 persone in 79 città. Proprio ieri il presidente brasiliano Dilma Rousseff, ha tenuto un discorso per cercare di riappacificare gli animi, ma le violenze nelle città dove si gioca la Confederations Cup non si fermano.

“Miei cari amici, Tutti noi, brasiliane e brasiliani, stiamo seguendo con grande attenzione le manifestazioni che si svolgono nel paese. Mostrano la forza della nostra democrazia e la volontà dei giovani di fare un grande Brasile. Se prendiamo lo slancio e l’energia di questa nuova politica, possiamo fare meglio e più velocemente, tanto che il Brasile ancora in grado di eseguire a causa dei vincoli politici ed economici. Ma se permettiamo violenza per farci perdere la nostra direzione, non stiamo solo sprecando una grande opportunità storica, ma anche rischiando di perdere tante cose. Come Presidente, ho sia l’obbligo di ascoltare la voce delle strade, come il dialogo con tutti i segmenti, ma tutti entro i primati della legge e dell’ordine, indispensabile per la democrazia. Il Brasile ha lottato duramente per diventare un paese democratico. E inoltre sta lottando duramente per diventare un paese più giusto. Non è stato facile arrivare dove siamo, ma anche non facile per arrivare dove vogliono molti di coloro che sono scesi in piazza. Diventeremo realtà solo se rafforziamo la democrazia – il potere dei cittadini e dei poteri della Repubblica. I manifestanti hanno il diritto e la libertà di mettere in discussione e criticare tutto, proporre e chiedere un cambiamento, lottare per una migliore qualità della vita, appassionatamente difendendo le loro idee e proposte, ma devono farlo in un modo pacifico e ordinato. Governo e società non possono accettare che una minoranza violenta e autoritaria distruggano beni pubblici e privati, attacchi alle chiese, auto a fuoco, autobus, e di far scaturire il caos nei i nostri grandi centri urbani. Questa violenza, promossa da una piccola minoranza, non può individuare un movimento pacifico e democratico. Non possiamo vivere con una tale violenza che fa vergognare il Brasile. Tutte le istituzioni e gli organi di pubblica sicurezza hanno il dovere di trattenere entro i limiti di legge, tutte le forme di violenza e di vandalismo. Con equilibrio e serenità, ma con fermezza, continueremo a garantire il diritto e la libertà di tutti. Vi assicuro, ci sarà mantenere l’ordine. Brasiliane e brasiliani le manifestazioni di questa settimana ha portato importanti lezioni: le tariffe sono diminuite e gli ordini del giorno dei manifestanti hanno guadagnato priorità nazionale. Dobbiamo sfruttare la forza di queste espressioni per produrre ulteriori cambiamenti, che vanno a vantaggio di tutta la popolazione. La mia generazione ha lottato duramente per la voce della piazza per essere ascoltati. Molti sono stati perseguitati, torturati e morti per essa. La voce della piazza non può essere confusa con il rumore e la brutalità di alcuni facinorosi. Io sono il presidente di tutti i brasiliani sia di quelli scesi in piazza e non. Il messaggio venuto dalla strada è pacifico e democratico. Lei sostiene una lotta sistematica contro la corruzione e appropriazione indebita di fondi pubblici. Tutti mi conoscono. Io non mi arrendo. Questo messaggio venuto dal popolo brasiliano richiede una maggiore qualità dei servizi pubblici. Vuole scuole di qualità, vuole la qualità dell’assistenza sanitaria, vuole un migliore trasporto pubblico e giusto prezzo, vuole più sicurezza, vuole di più. E per dare di più, le istituzioni e il governo dovrebbero cambiare. Parlerò nei prossimi giorni con i governatori e sindaci delle principali città del paese per una grande patto intorno al miglioramento dei servizi pubblici e uniremo gli sforzi. L’accento sarà posto: primo, l’elaborazione del Piano nazionale per la mobilità urbana, che favorisce il trasporto pubblico. In secondo luogo, l’assegnazione del cento per cento delle risorse petrolifere per l’istruzione. In terzo luogo, portare immediatamente migliaia di medici dall’estero per espandere il sistema sanitario del servizio, SUS. Vi annuncio che riceverò i leader di manifestazioni pacifiche, rappresentanti di organizzazioni giovanili, i sindacati, il movimento dei lavoratori, le associazioni popolari. Abbiamo bisogno dei vostri contributi, i pensieri le esperienze la loro energia e creatività, la loro scommessa sul futuro e la loro capacità di sfidare gli errori del passato e del presente. Brasiliane e brasiliani abbiamo bisogno di ossigenare il nostro sistema politico. Trovando meccanismi che rendono nostre istituzioni più trasparenti, più resistente alle irregolarità e, soprattutto, più permeabile all’influenza della società. E’ la cittadinanza, non il potere economico, che dovrebbe essere sentiti prima. Voglio contribuire alla costruzione di una riforma politica ampia e profonda che amplia la partecipazione popolare. E ‘un errore pensare che ogni paese può fare senza partiti, e in particolare la base voto popolare di qualsiasi processo democratico. Dobbiamo fare uno sforzo in modo che il cittadino abbia dei meccanismi di controllo più completi sui loro rappresentanti. Abbiamo bisogno di molto, molto, i modi più efficaci per combattere la corruzione. L’accesso alle informazioni, approvata nel mio governo, dovrebbe essere estesa a tutti i rami del governo e gli enti federali. Si tratta di un potente strumento dei cittadini per sorvegliare il corretto uso del denaro pubblico. Tra l’altro, il modo migliore per combattere la corruzione è con trasparenza e rigore. In relazione alla Coppa del Mondo, ci tengo a precisare che i soldi federali, spesi per arene è il risultato di un finanziamento che sarà debitamente pagato da società e governi che stanno esplorando questi stadi. Non permettere mai che queste risorse lascino il bilancio pubblico federale, danneggiando settori prioritari quali la salute e l’istruzione. In realtà, abbiamo esteso abbastanza sulla spesa sanitaria e l’istruzione, e sarà costantemente ampliata. Confido che il Congresso approvi il progetto presentato per tutti royalties del petrolio sono spesi esclusivamente con l’istruzione. Devo parlare di un argomento molto importante che ha a che fare con la nostra anima e il nostro modo di essere. Brasile, l’unico paese ad aver partecipato a ogni Coppa del Mondo, cinque volte campione del mondo, è sempre stato molto ben accolto dappertutto. Abbiamo bisogno di dare ai nostri popoli fratelli la stessa generosa accoglienza che abbiamo ricevuto. Il rispetto, l’amore e la felicità, è così che trattiamo i nostri ospiti. Il calcio e lo sport sono simboli di pace e di convivenza pacifica tra i popoli. Brasile merita e farà un grande Mondiale. Miei cari amici, Voglio ribadire che il mio governo ascolta le voci che chiedono un cambiamento democratico. Voglio dire a tutti voi che siete andati nelle strade pacificamente: Ti sto sentendo! E non voglio scendere a compromessi con la violenza e la rivolta. Sarà sempre con la pace e con la libertà e la democrazia, che noi continuiamo a costruire insieme questo nostro grande paese”. Dilma Rousseff


Condividi:

Ti potrebbe anche interessare:

This entry was posted in Sport and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

About Claudio Rossi

“Ci sono uomini nel mondo che governano con l’inganno. Non si rendono conto della propria confusione mentale. Appena i loro sudditi se ne accorgono, gli inganni non funzionano più.” Google+