0

Il progresso tecnologico distruggerà il mercato del lavoro

progresso-tecnologico-mondo

Il progresso tecnologico ha reso il mondo un posto migliore, ma ha sempre un costo. L’innovazione uccide alcuni posti di lavoro, ma ne crea di nuovi e di migliori.

Secondo uno studio firmato da Carl Benedikt Frey e Michael Osborne dell’università di Oxford, il 47% dei lavori che conosciamo tra 15-20 anni spariranno. Non esisteranno più bigliettai al cinema o sui treni, impiegati delle Poste, i bancari allo sportello, i vigili per fare le multe, gli operatori dei call center.

In poche parole spariranno i lavori intermedi, quelli oggi svolti dai colletti bianchi. Rimarranno solamente quelli altamente qualificati e creativi: ingegneri, programmatori, stilisti, scrittori. E quelli che richiedono scarse competenze: spazzini, barbieri, badanti. Gli unici che resisteranno saranno quindi i lavori che richiedono discrezionalità e interazione tra persone.

Questa ondata di distruzione tecnologica per il mercato del lavoro è appena iniziato. Ok i nuovi posti di lavoro porteranno prodotti meravigliosi, ma nel breve periodo le differenze di reddito si accentueranno, causando un ancora più grande disuguaglianza sociale e forse anche un cambiamento della politica. L’impatto della tecnologia si sentirà come un tornado, che colpisce il mondo ricco prima, ma alla fine si snoda attraverso i paesi più poveri. E come al solito nessun governo, nessun Paese è preparato per questo.

L’innovazione ha portato e porterà grandi benefici all’umanità. Nessuno sano di mente vorrebbe tornare nel mondo dei tessitori artigianali. Ma i benefici del progresso tecnologico non sono distribuiti equamente, soprattutto nelle prime fasi di ogni nuova ondata, e spetta ai governi a diffonderle.


Condividi:

Claudio Rossi

“Ci sono uomini nel mondo che governano con l’inganno. Non si rendono conto della propria confusione mentale. Appena i loro sudditi se ne accorgono, gli inganni non funzionano più.” Google+

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *