Il Mondo delle illusioni

 

Nel suo saggio – purtroppo non ancora tradotto in italiano malgrado l’interessante dibattito che la sua pubblicazione ha acceso negli USA – “Empire of Illusion”, Chris Hedges (giornalista, vincitore del premio Pulitzer), sostiene che la cultura di massa americana (che chi scrive questo commento per inciso nota viene massicciamente e acriticamente importata nel nostro paese) è una cultura di Peter Pan che ci chiede di chiudere gli occhi e di vedere solo ciò che più ci piace.
Questa regressione nel mondo delle illusioni – non importa se sorretta da psicologi positivisti, da Hollywood o da predicatori cristiani – non è altro che un forma di pensiero magico, che consegna la nostra società a cannibalizzare se stessa mentre si smarrisce in una sorta di oblio di massa.
La cultura delle illusioni in cui viviamo, impera inondandoci di promesse di felicità e celebrità propinateci da chirurghi estetici, guru della forma fisica, terapisti, interior designers, medici dietisti, consulenti della moda. Tutti insieme uniti nell’assicurarci, e rassicurarci, che saremo tutti felici e che questa felicità ci verrà da come presentiamo noi stessi agli altri: in altre parole, a come ci offriamo in “pasto” agli occhi del pubblico.
In questa dittatura delle illusioni, Hedges, mette in luce lo stretto rapporto che, ad esempio, intercorre la tra violenza, la crudeltà e la degradazione della pornografia, in una società che ha perso la sua capacità di empatia, e quanto accaduto nella prigione di Abu Graib. Secondo l’autore le raccapriccianti fotografie dei prigionieri umiliati e degradati, come uno specchio riflettono la perversione corrente nella nostra società. Quelle immagini di persone forzate a masturbarsi o a mettersi in posa per simulare atti sessuali, parlano lo stesso linguaggio della pornografia, del wrestling, dei reality televisivi, che quotidianamente siamo ormai assuefatti a vedere ed introiettare. E’ il linguaggio del controllo assoluto, del dominio totale, dell’umiliazione e della sottomissione, che degrada gli altri essere umani a meri strumenti, a degli oggetti.
Similmente la bancarotta della nostra economia, discende direttamente dall’assalto compiuto contro la stessa umanità. L’abbandono dell’umanismo ha permesso alle nuove élites economiche (con la loro fede cieca al sistema finanziario che hanno nutrito, arricchito e rafforzato) di organizzare l’educazione e la società attorno a domande e risposte predeterminate. Nelle università di economia agli studenti si insegna unicamente la risoluzione di specifici problemi in grado di sostenere il mercato capitalista, senza però fargli acquisire capacità di riflessione critica. E non importa se così facendo si perde la qualità più importante per resistere al male: l’autonomia morale, possibile solo attraverso la riflessione, l’auto-determinazione ed il coraggio – se del caso – di non cooperare.
Hedges riprendendo la tesi della famosa opera del filosofo Sheldom W. Wolin (professore alla Princeton University), Democracy Inc. (pubblicato nel 2008 da Princeton University Press, ma non ancora tradotto in Italia), rimarca come noi oggi viviamo in un sistema di totalitarismo invertito(inverted totalitarianism). Se nel totalitarismo classico l’economia era subordinata alla politica, nel totalitarismo invertito è la politica ad essere interamente subordinata all’economia. Con l’aumento dei consumi sociali e la mercificazione di ogni bene, comprese le risorse ambientali e lo stesso essere umano, nulla ha più un valore intrinseco. Ciò che conta è solo abilità a creare soldi e non importa quante disuguaglianze in questo modo sono state create o quanto si è distrutto il sistema che equità sociale che sostiene la specie umana: con l’imperare della cultura della celebrità della cultura dei consumi di produce solo una politica spazzatura (junk politic) e una cultura spazzatura (junk culture).

(Fonte personaedanno)

Il Premio Pulitzer Chris Hedges mostra che in America esiste un movimento pienamente fascista ma che esso non è composto da anacronistici epigoni di Hitler e Mussolini. Molto attivo, influente e “americano”, lo chiamano “movimento dominionista”, poiché i suoi esponenti interpretano in senso stretto il passo della Genesi in cui Dio conferisce all’umanità il dominio su tutto il creato.


Condividi:

Ti potrebbe anche interessare:

This entry was posted in Pensieri Liberi and tagged , , , . Bookmark the permalink.

About Claudio Rossi

“Ci sono uomini nel mondo che governano con l’inganno. Non si rendono conto della propria confusione mentale. Appena i loro sudditi se ne accorgono, gli inganni non funzionano più.” Google+