I corvi

il corvo

Arthur Rimbaud, il poeta maledetto. Anima irrequieta e sovversiva, attraversò come una meteora decadentismo, simbolismo, surrealismo, contribuendo a produrne le espressioni più nobili e rivoluzionarie. Morì a soli 37 anni a causa di un tumore alla gamba.

Signore, quando i campi sono freddi,
Quando sui casolari diroccati,
Tacciono i rintocchi dell’angelus…
Sulla natura sfiorita
Fa’ che si avventino dai grandi cieli
I corvi cari e deliziosi.

Strana masnada di severi stridi,
Il vento freddo vi aggredisce i nidi!
Oh voi, lungo i fiumi ingialliti,
Voi, per le strade d’antiche vie crucis,
Sopra i fossati e sopra le buche
Disperdetevi, su, radunatevi!

A migliaia, sui coltivi di Francia,
Ove dormono i morti dell’altro ieri,
Su, d’inverno, turbinate,
Affinché ogni passante ripensi!
Che tu sia il banditore del dovere,
Oh nostro funereo uccello nero!

Però, santi del cielo, sulla quercia,
Alta a maestra nella sera incantata,
Lasciate le capinere do maggio
Per chi in fondo al bosco, sull’erba
Da cui nessuno sfugge, è incatenato
A una disfatta che non ha domani.

Arthur Rimbaud


Condividi:
TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE:
This entry was posted in Poesia and tagged , . Bookmark the permalink.

About Claudio Rossi

“Ci sono uomini nel mondo che governano con l’inganno. Non si rendono conto della propria confusione mentale. Appena i loro sudditi se ne accorgono, gli inganni non funzionano più.” Google+