Er Pugilato

Muhammad Ali

Lo facevano i Greci e li Romani
St’attività fatta de cose vere
Uno sport praticato co le mani
Ma soprattutto co la testa er core
Devi da cura l’allenamento
Fatto de sacrifici e de sudore
Studiando a puntino quer momento
Che poi esse provato da dolore
La luce cala er gong a già sonato
L’odore der fumo te pia in gola
Vedi che l’aversario se fa sotto
Arzi la guardia e mo devi la scola
Er pugilato è na grande disciplina
Nun te permette mai de fa melina
Devi esse attento e furbo e molto saggio
Perché quanno ar cormo de la lotta
Te troverai davanti all’avversario
Senti la sensazione chiara e netta
Che nun ce poi fa gnente co rosario
Quanno che lo schivi è mber momento
Perché si n’apri l’occhi poi fa er botto
Ordì che nu sei stato attento
Er pubblico che strilla ormai è incosciente
Eccitato dalla foga della lotta
Perché devi esse duro e prepotente
Si puro vede er sangue nun ja basta
Quanno finirà er combattimento
Devi accettà er verdetto der quadrato
Si vinci sarteria tutto contento
Perché er tuo sacrificio è ripagato
St’attività d’angosce e de dolori
Potrebbe diventatte deleteria
Fatta de gran tonfi e tanti onori
nun te scordà chè na cosa seria

Giacomo Antognarelli


Claudio Rossi

“Ci sono uomini nel mondo che governano con l’inganno. Non si rendono conto della propria confusione mentale. Appena i loro sudditi se ne accorgono, gli inganni non funzionano più.” Google+