Er Pugilato

Muhammad Ali

Lo facevano i Greci e li Romani
St’attività fatta de cose vere
Uno sport praticato co le mani
Ma soprattutto co la testa er core
Devi da cura l’allenamento
Fatto de sacrifici e de sudore
Studiando a puntino quer momento
Che poi esse provato da dolore
La luce cala er gong a già sonato
L’odore der fumo te pia in gola
Vedi che l’aversario se fa sotto
Arzi la guardia e mo devi la scola
Er pugilato è na grande disciplina
Nun te permette mai de fa melina
Devi esse attento e furbo e molto saggio
Perché quanno ar cormo de la lotta
Te troverai davanti all’avversario
Senti la sensazione chiara e netta
Che nun ce poi fa gnente co rosario
Quanno che lo schivi è mber momento
Perché si n’apri l’occhi poi fa er botto
Ordì che nu sei stato attento
Er pubblico che strilla ormai è incosciente
Eccitato dalla foga della lotta
Perché devi esse duro e prepotente
Si puro vede er sangue nun ja basta
Quanno finirà er combattimento
Devi accettà er verdetto der quadrato
Si vinci sarteria tutto contento
Perché er tuo sacrificio è ripagato
St’attività d’angosce e de dolori
Potrebbe diventatte deleteria
Fatta de gran tonfi e tanti onori
nun te scordà chè na cosa seria

Giacomo Antognarelli


Condividi:

Ti potrebbe anche interessare:

This entry was posted in Poesia and tagged , , . Bookmark the permalink.

About Claudio Rossi

“Ci sono uomini nel mondo che governano con l’inganno. Non si rendono conto della propria confusione mentale. Appena i loro sudditi se ne accorgono, gli inganni non funzionano più.” Google+