1

Eataly nuova “formula” di lavoro: Delocalizzati Bari-Milano per sei mesi

Oscar Farinetti

I 18 dipendenti di Eataly Bari con contratto a tempo determinato, potranno andare in “trasferta”, sei mesi con alloggio pagato, all’Expo di Milano. Da Bari costretti a lavorare a Milano, altrimenti, arrivederci e grazie.

Dopo un anno le vendite del supermercato di lusso di Bari non sono entusiasmanti: 10,5 milioni di euro di fatturato, con un’incidenza del costo del personale del 41%, informa il Corriere del Mezzogiorno. Una percentuale quasi doppia rispetto alla media degli altri Eataly sparsi per l’Italia. A Bari lavorano 142 dipendenti di cui 60 a tempo indeterminato, 63 con contratto di apprendistato, 18 a tempo determinato e uno in somministrazione. Le vendite basse sono tutta colpa dei venditori ambulanti del lungomare e della posizione sbagliata (dentro la Fiera del Levante), secondo il figlio del patron Oscar, Francesco Farinetti, amministratore delegato di Eataly: “Il management si lamenta per la concorrenza sleale. Alcuni venditori non rilasciano gli scontrini e spesso non sono in regola con i pagamenti del personale. Così la formula Eataly sembra costosa”.

Ma la soluzione è presto trovata: sei mesi a Milano. Così è se vi pare, ma l’alloggio è pagato. Almeno. “E anche il personale a tempo indeterminato potrà lanciarsi nell’avventura”, spiega Giuseppe Boccuzzi, sindacalista della Fisascat. Sempre meglio essere delocalizzati che licenziati. Bari-Milano andata e ritorno per sei mesi.

Condividi:

Claudio Rossi

“Ci sono uomini nel mondo che governano con l’inganno. Non si rendono conto della propria confusione mentale. Appena i loro sudditi se ne accorgono, gli inganni non funzionano più.”

One Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.