0

Earth Overshoot Day: Da oggi le risorse della Terra sono finite

Earth Overshoot Day

A mezzanotte le risorse della Terra finiscono. Oggi è il giorno del sorpasso, l’Earth Overshoot Day.

Stiamo consumando il Pianeta. In solo 7 mesi e 2 giorni abbiamo consumato tutte le risorse che la Terra è in grado di rigenerare da sola, e da oggi iniziamo a sovrasfruttare il nostro pianeta.

Earth Overshoot Day: ci servirebbero 1,7 pianeti

Dall’elaborazione del Global Footprint Network, che ogni anno calcola l’impronta ecologica dell’umanità, risulta che nel 2017 abbiamo impiegato solo 7 mesi e 2 giorni per esaurire tutto il budget di risorse rigenerabili nel corso dell’anno che il pianeta ci mette a disposizione. Con questo “stile di vita” avremmo bisogno di 1,7 pianeti. Una Terra non basta. E per soddisfare i consumi degli italiani ci sarebbe bisogno di 4,3 “Italie”, al quarto posto nella classifica dopo Corea del Sud (8,8), Giappone (7,1) e Svizzera (4,3).

Secondo i dati del del Global Footprint Network, dagli inizi di agosto sino alla fine dell’anno, soddisferemo quindi la nostra domanda ecologica dando fondo alle risorse (il capitale) e accumulando gas ad effetto serra nell’atmosfera che è causa di oltre 12 milioni di morti premature nel mondo. Un disastro.

Da leggere: I dodici problemi che affliggono il nostro pianeta

Ogni anno l’Earth Overshoot Day cade sempre prima a causa dell’aumento dei consumi mondiali

Secondo i calcoli del Global Footprint Network il primo anno in cui l’Overshoot Day è andato sotto i 365 giorni dell’anno è stato il 1971 quando l’Overshoot Day è caduto il 21 dicembre (da allora continuiamo a utilizzare il capitale naturale), nel 1981 è caduto il 12 novembre, nel 1991 l’11 ottobre, nel 2001 il 23 settembre, nel 2011 il 5 agosto, e, in questo 2017, appunto, il 2 agosto.


Condividi:

Claudio Rossi

“Ci sono uomini nel mondo
che governano con l’inganno.
Non si rendono conto
della propria confusione mentale. Appena i loro sudditi se ne accorgono,
gli inganni non funzionano più.”
Google+

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *