Camera dei deputati: 4 milioni per il sito web? No…anzi si

sito-web-Camera-dei-Deputati

In un recente articolo Il Giornale denunciava un appalto da 4 milioni di euro per il sito internet di Montecitorio, “Non è vero”, si affretta a smentire l’ufficio stampa della Camera, costa “solo” 3.600.00 euro Iva esclusa (1 milione e 200mila euro all’anno). Ah ecco, ‘sti cazzi che differenza!!!! Ma il problema non è il costo sicuramente eccessivo, bensì, il servizio che il sito offre, totalmente scadente e disordinato. Bisogna perdersi per ore alla ricerca di nomi, cognomi, spese, stipendi, gare, appalti, etc etc… Con tutti quei soldi sicuramente dovrebbe essere molto più user friendly. Invece continuano a prenderci per il culo con le loro note. Più una bugia è grossa, più facilmente essa verrà creduta.

Scrive l’Ufficio Stampa che nell’articolo “si fanno fantasiose ricostruzioni sulle spese informatiche in Montecitorio […] che la gara per l’Acquisizione dei servizi di manutenzione e sviluppo del sito web della Camera dei deputati , deliberata dai competenti organi di direzione politica alla fine della precedente legislatura, è finalizzata alla selezione sul mercato dei servizi informatici dei fornitori per lo sviluppo software e la manutenzione e gestione dei siti web della Camera dei deputati, e viene svolta in conformità alle regole del Codice dei contratti pubblici: il bando è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea e sulla Gazzetta ufficiale della Repubblica italiana il 20 luglio 2013; un estratto del bando è stato pubblicato su due quotidiani nazionali il 24 luglio; il bando è consultabile sul sito internet della Camera; il termine per la presentazione delle domande scade il prossimo 20 settembre. Si fa altresì presente che la gara consentirà una riduzione degli oneri (?) per il bilancio della Camera: nel 2013 la cifra complessiva stanziata per la gestione operativa e la manutenzione evolutiva dei siti internet della camera (che oltre al sito principale camera.it comprendono la webtv, le sezioni a competenza Camera di parlamento.it, il sito della biblioteca, la piattaforma didattica sulla Costituzione e il Parlamento dei bambini) ammonta infatti a circa 1 milione 389 mila euro (iva esclusa) annui. I contratti corrispondenti sono ad oggi stipulati con 3 diverse società, e riguardano attività di presidio, sviluppo software, gestione sistemistica, diffusione audiovideo dei lavori parlamentari nonché attività connesse all’informatizzazione degli atti parlamentari. L’importo di 3.600.00 euro, Iva esclusa, dell’appalto va distribuito su tre anni. La base d’asta è stata quindi fissata in 1 milione 200 mila euro annui dal momento che il passaggio ad un’unica ditta affidataria consentirà una sensibile riduzione dei costi; rispetto a tale cifra si attende peraltro una ulteriore ragionevole economia determinata dall’aggiudicazione all’offerta economicamente più vantaggiosa”.


Condividi:

Ti potrebbe anche interessare:

This entry was posted in Politica and tagged , , . Bookmark the permalink.

About Claudio Rossi

“Ci sono uomini nel mondo che governano con l’inganno. Non si rendono conto della propria confusione mentale. Appena i loro sudditi se ne accorgono, gli inganni non funzionano più.” Google+