Buon compleanno Repubblica delle Banane. Oggi compi 70 anni!

Repubblica delle Banane

Benvenuti nella Repubblica delle Banane, dove gli italiani non contano nulla (ma credono di contare), un Paese dove i politici si fanno beatamente i fatti loro. Nella quale c’è un disinteresse da parte dello Stato riguardo ai problemi della popolazione. La Repubblica di chi sa vendere e si sa vendere. Una Nazione, instabile dal punto di vista politico, governata da una classe politica ricca, corrotta e collusa con la criminalità organizzata, la cui economia è in mano a multinazionali.

La specialità della nostra Repubblica delle Banane? Corruzione, illegalità, privilegi della classe politica, cementificazione, aumenti di disoccupazione e lavoro precario, malasanità, deterioramento delle scuole pubbliche e dell’insegnamento scolastico, aumento incontrollato dei prezzi, aumento del debito pubblico, tante imprese medio piccole che hanno chiuso per fallimento, stipendi inadeguati per il caro vita, condoni edilizi, evasione fiscale, giustizia sempre più scadente e senza poteri, razzismo, strade e ferrovie vecchie e pericolose, aumento di inquinamento, mezzi di informazione assoggettati al potere politico, il non rispetto delle leggi da parte di gente ricca o che ha potere, aumento di tasse sulla classe medio bassa, sostegno per i redditi bassi inadeguato o assente, scarsa attenzione alla tutela dei diritti dei lavoratori, pensioni sempre piu basse, aumento di stress e malattie neurologiche tra le famiglie in crisi, aumento di divisione tra nord e sud.

Però il nostro è un Paese dove andare in vacanza: sole, mare, opere d’arte e monumenti. Ma dove chi ci vive vuole o è costretto ad emigrare perchè non è più possibile vivere decorosamente.


Condividi:

Ti potrebbe anche interessare:

This entry was posted in Italia alla Rovescia and tagged , . Bookmark the permalink.

About Claudio Rossi

“Ci sono uomini nel mondo che governano con l’inganno. Non si rendono conto della propria confusione mentale. Appena i loro sudditi se ne accorgono, gli inganni non funzionano più.” Google+