A’ livella del NO al referendum

toto-referendum

Quest’anno, il quattro dicembre,
ci sarà l’usanza, per il popolo italiano,
di votare il referendum.
Ognuno l’adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.
Quest’anno, in questo giorno,
di importante ricorrenza,
anch’io ci andrò, per sbarrare il NO
con impavida veemenza.
Cert stu vot é diventat ‘navventura…
Madonna! si ce penzo, e che bruttura!
ma anima e coraggio
alla faccia di chi ci narra di un tragico presagio.
‘O fatto è chisto, statemi a sentire:
guardavo tomo tomo, il mio televisore
buttando un occhio a qualche trasmissione
“Qui si rischia l’involuzione e di buttar per
l’aria i veri cambiamenti”,
gridava il Presidente,
bello spaparanzat ncopp a na pultron
di una delle reti preminenti.
Che assurdità! ‘Ncapo a me penzavo…
Chissà si all’atu munno,
chi ha scritt a Costituzione,
se sta turcenn a panz ed ogni articolazione.
Mentre fantasticavo stu penziero,
s’era ggià fatta quase mezanotte,
e pront me cuccaie, ca sveglia ncopp e l’otte.
Tutto a ‘nu tratto, che veco ‘a dint o scur?
Doje ombre avvicenarse ‘a parte mia…
Penzaje: stu fatto a me mme pare strano…
Stongo scetato…dormo, o è fantasia?
Ate che fantasia; eran duie padri e
l’assemblea costituente, Alcide e Benedetto,
Int ‘a stu fatto i’ nun ce veco chiaro:
cu tanta governant
venen addu me ca nun cont neint
Putevano sta’ ‘a me quase ‘nu palmo,
quanno ‘Alcide me sussurr
“Giovanotto non ti meravigliare della
nostra presenza, se siamo qua e perché
si é passata l’indecenza”
E’ vero, proseguí Benedetto,
quello che é stato fatto?
E’ chi l’avrebbe detto.
Ma o vulit capí co problem e stu paese
nun é a Costituzione
ma più semplicemente o ntrallazz e a corruzione.
A Costituzione é na cosa seria.
Perciò, sentit a nuie, nun facit assaie e restiv,
sta riform nun é chell ca c’è vò,
sti ppagliacciate lasciammel e Si
nuje simmo serie… appartenimmo o NO!


Condividi:

Claudio Rossi

“Ci sono uomini nel mondo che governano con l’inganno. Non si rendono conto della propria confusione mentale. Appena i loro sudditi se ne accorgono, gli inganni non funzionano più.” Google+